Quantcast

Fucecchio, alberi “mangia anidride carbonica” lungo i viali industriali foto

Il Comune ha ottenuto 80mila euro di finanziamento per il miglioramento della qualità dell'aria

Il Comune di Fucecchio ha ottenuto 80mila euro di finanziamento per il miglioramento della qualità dell’aria con particolari tipi di alberi che assorbono anidride carbonica. Mentre proseguono gli interventi di manutenzione del patrimonio arboreo.

Il Comune li ha ottenuti tramite un bando regionale e li investirà per la piantumazione di nuove fasce alberate a protezione delle zone industriali. Un importante intervento a favore della qualità ambientale e per ridurre le emissioni inquinanti in ambito urbano.

Il progetto, frutto di una stretta collaborazione tra professionisti delle scienze forestali, architettura del paesaggio, biologia e agrotecnica, prevede un incremento del patrimonio arboreo della città con piante specifiche per migliorare la qualità dell’aria, soprattutto per la popolazione urbana maggiormente esposta. Le aree di intervento infatti saranno nelle zone maggiormente caratterizzate da emissioni di ossidi di azoto e anidride carbonica e da concentrazione di particolato fine.

“Le nuove alberature – conferma il sindaco Alessio Spinelli – verranno collocate a ridosso delle zone industriali andando così a migliorare la qualità dell’aria e a mitigare l’impatto visivo dei siti produttivi lungo alcune strade. E’ un’azione ecologica che al Comune di Fucecchio costerà pochissimo in termini economici visto che il progetto complessivo ha un costo di 90mila euro ma ben 80mila li abbiamo ottenuto tramite il bando regionale. Sul verde e sulla sostenibilità stiamo facendo continui investimenti, sia nell’ambito della mobilità leggera, con la realizzazione di numerose piste ciclo pedonali, sia nell’incremento del patrimonio arboreo e nella cura di quello esistente”.

E proprio sulla manutenzione del verde l’amministrazione comunale in questi giorni è impegnata nell’imponente opera di potatura dei platani in via Samminiatese. Un lavoro che sta procedendo a ritmi serrati e che con ogni probabilità terminerà con alcuni giorni di anticipo sulla tabella di marcia (la chiusura della strada inizialmente era prevista fino al 21 gennaio). Una volta concluso questo intervento, la ditta incaricata si sposterà su viale Gramsci, anche qui per procedere alla potatura dei grossi platani che caratterizzano il viale.

“Il Comune ha fatto un investimento di ben 100 mila euro – aggiunge Spinelli – sulle potature e sulla sistemazione delle piante in molte strade. Da via Samminiatese a piazza della Libertà, passando per l’area sportiva di San Pierino, per via Marco Polo e via Mattei. Adesso è il turno di viale Gramsci. Abbiamo fatto un’ampia programmazione e pian piano cercheremo di sistemare tutte le situazioni più urgenti con uno sforzo economico davvero ingente”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.