Quantcast

Mensa e pulmino, ecco il protocollo per Santa Maria a Monte

L’Amministrazione ha rinnovato il suo impegno forte nell’educazione scolastica, dando un sostegno economico per la gestione di casi di disabilità

Nella giornata di ieri 13 gennaio è stata sottoscritto il protocollo di intesa per l’anno scolastico 2021-2022 tra il Comune di Santa Maria a Monte e l’istituto comprensivo Carducci, con una progettazione rimodulata rispetto allo stato di emergenza da covid 19. L’Amministrazione ha rinnovato il suo impegno forte nell’educazione scolastica, dando un sostegno economico per la gestione di casi di disabilità, intervenendo a supporto della scuola e delle famiglie.

“Nella stessa giornata – dichiara la sindaco Ilaria Parrella – è stato deciso, in base alla nota Miur di attuare un protocollo diverso per l’organizzazione della mensa nel caso di una positività al coronavirus accertata in una singola classe. Tale documento infatti, nel caso di positività di un alunno nella scuola primaria, raccomanda di consumare il pasto a una distanza interpersonale di almeno 2 metri.

Alla luce di questa disposizione, nelle scuole primarie interessate da un solo rientro pomeridiano: le lezioni verranno svolte in presenza nell’orario antimeridiano, sarà sospesa la mensa e la lezione pomeridiana verrà comunque garantita con modalità a distanza per il periodo di rispetto della misura sanitaria della sorveglianza attiva (5 giorni). Il trasporto scolastico antimeridiano verrà garantito anche per il ritorno nei giorni di attivazione della ddi, senza creare disagi alle famiglie che già usufruiscono di questo servizio. Nella scuola Primaria di Ponticelli, dove è in vigore un tempo scuola pieno e dove gli spazi consentono l’attuazione della distanza interpersonale di almeno 2 metri è stata prevista una tripla turnazione con conversione degli spazi dedicati alla palestra in mensa”.

“Questa rimodulazione – aggiunge la vice sindaco Manuela Del Grande – adottata dal Comune e dalla dirigenza scolastica, adempie alla normativa vigente e cerca di dare una risposta organizzativa chiara e pronta alle famiglie, tutelando la salute e la sicurezza degli alunni, anche in questa fase di picco pandemico. Il Comune assieme alla dirigenza scolastica, nella reciproca collaborazione, che da sempre caratterizza i due enti, ha dato un’attuazione pronta a disposizioni nuove, che modificano continuamente l’organizzazione scolastica relativamente alla materia del covid 19”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.