Quantcast

Tornarono a Torre dai campi di sterminio, un’opera ricorderà i 5 soldati

Un'installazione in corten con un filo spinato che si trasforma in una rosa e due persone mentre si danno la mano

Un’opera dedicata a 5 soldati della frazione Torre di Fucecchio che fecero ritorno a casa dopo la prigionia nei campi di sterminio nazisti. E’ il progetto nato dall’incontro tra il presidente della pro loco di Torre Roberto Pellegrini, figlio di un deportato nei campi di concentramento nazisti e i ragazzi del gruppo #fucecchioèlibera, da anni attivi sui temi della memoria storica.

Ai ragazzi del gruppo Pellegrini ha raccontato la storia di suo padre Gino e dei sette lunghi anni che trascorse lontano da casa, tra guerra e prigionia. Insieme a Gino Pellegrini nel 1945 anche altri 4 soldati partiti dalla piccola frazione situata sulle colline di Fucecchio, suo fratello Bruno e poi Lido Boschi, Emilio Cioni e Gino Corsagni, riuscirono a fuggire dai lager e a riabbracciare le proprie famiglie.

Il racconto di questa toccante vicenda ha fatto scattare nei ragazzi di #fucecchioèlibera il desiderio di rendere omaggio alla sofferenza di queste persone e contemporaneamente di rendere tangibile il desiderio di riconciliazione col popolo tedesco che con alcuni cittadini aiutò quei giovani soldati a fuggire e a far ritorno in Italia. Così è nata l’idea di realizzare un bozzetto e di sottoporlo all’attenzione del giovane artista Edoardo Melani, anche lui fucecchiese, che all’interno del proprio laboratorio ha dato vita al desiderio di Pellegrini creando un’installazione in corten con un filo spinato che si trasforma in una rosa e due persone, una in piedi e l’altra che si sta rialzando, mentre si danno la mano.

L’opera verrà posizionata in piazza Don Giuseppe Mainardi a Torre. A causa di sopraggiunti problemi che hanno riguardato gli organizzatori dell’evento, la cerimonia d’inaugurazione dell’opera prevista per domenica 23 gennaio in piazza Don Mainardi, è stata rinviata. “Abbiamo patrocinato questa iniziativa – dice il sindaco Alessio Spinelli – e supportato con grande convinzione questa realizzazione perché crediamo fortemente nei valori della memoria, della riconciliazione, della libertà e della democrazia, valori che stanno alla base della decisione di dedicare un’opera ai deportati di Torre. Ma quello che ci fa più piacere è che l’idea sia venuta da un’associazione fortemente radicata e attiva sul territorio come la pro loco di Torre e che abbia trovato sostegno e condivisione da un gruppo di giovani.

Domenica prossima spero che tutti i cittadini siano lì ad abbracciare idealmente le famiglie di quei cinque soldati e a rimarcare l’importanza della memoria storica che Fucecchio, con la nostra amministrazione comunale, ha posto al centro del proprio cammino attraverso la creazione di uno specifico assessorato e l’ideazione di tante iniziative principalmente rivolte alle giovani generazioni”.

“La mia idea di realizzare un’opera per la memoria storica della nostra comunità – spiega Roberto Pellegrini – l’ho proposta inizialmente al consiglio della pro loco Torre e devo dire che i consiglieri sono rimasti veramente entusiasti. L’obiettivo è duplice, ricordare le persone che non ci sono più, perché ricordarle è un po’ come farle rivivere. e far conoscere un’altra vicenda drammatica legata agli orrori della guerra e del nazi fascismo, proprio per evitare che quelle atrocità si ripetano. Il messaggio principale che ho voluto trasmettere, sia con il libro che con l’installazione, è quello della riconciliazione perché nel corso degli anni siamo venuti a conoscenza di tante storie e abbiamo capito che anche moltissime famiglie tedesche soffrivano come noi.

Anche la famiglia Buschmann, che salvò mio padre durante il trasferimento a Dachau, aveva un figlio in guerra e lui non fece mai ritorno a casa. Quella donna, aiutando mio padre, gli disse che sperava che da un’altra parte d’Europa ci fosse un’altra mamma come lei che potesse aiutare suo figlio. Quando nell’estate del ’45 la Germania e il loro piccolo paese fu invaso dall’esercito sovietico mio padre poté sdebitarsi con la famiglia Buschmann dicendo ai soldati che loro erano persone per bene che lo avevano aiutato, evitandogli probabilmente le terribili conseguenze che subiscono gli sconfitti”.

“Noi invece ci siamo occupati principalmente dell’ideazione e della progettazione dell’installazione – aggiunge Andrea Paroli del gruppo #fucecchioèlibera – partendo da due parole chiave che sono sofferenza e riconciliazione, due termini che secondo noi sintetizzano al meglio il racconto di Roberto Pellegrini e le emozioni che ci ha trasmesso negli incontri che abbiamo avuto con lui. Al risultato finale siamo arrivati dedicando tanto tempo a questo progetto al quale lavoriamo da circa un anno. Spero che tutti possano apprezzarne il risultato finale perché è il frutto di tanto impegno”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.