Quantcast

I presidenti dei consigli di istituto: “Scuole al capolinea per gestione quarantene e burocrazia”

L'appello alla semplificazione delle procedure

“La realtà scolastica di ogni grado è arrivata al capolinea con la confusione che si vive nella gestione delle quarantene e la burocrazia bloccata dal sistema che non ha mai funzionato correttamente. Semplificare la procedura è necessario; le famiglie, dirigenti, personale scolastico e tutto il mondo scuola sono stanchi ed esasperati dalle mille regole non applicabili. C’è bisogno di prospettive positive”. E’ questo l’accorato appello che rivolge alle istituzioni il coordinamento dei presidenti di consiglio di istituto della Toscana.

“Di fatto non c’è più la condizione di garantire il testing e il tracciamento dei contagi e non sono state implementate nuove e più efficaci iniziative per smaltire i ritardi – si afferma in una nota -, rendendo critica la situazione anche per i dipartimenti sanitari: sono in affanno con tutte le procedure legate agli isolamenti, ai tracciamenti ripetuti, ai certificati di guarigione, ed altre disposizioni che devono assolvere. Le istituzioni scolastiche, rispetto alla funzione principale che devono assolvere, che è quella didattica, sono assorbite completamente dall’eccessiva richiesta che viene loro fatta: verifica positività, riorganizzazione del tempo scuola, gestione del servizio mensa, sostituzione personale assente a vario titolo, attivazione Dad, ecc., anche nelle more di comunicazioni che non arrivano da altri Enti competenti e questo anche perché non conoscono in tempo reale i dati relativi a contagi/contatti/vaccinazioni del personale e degli studenti, cui si aggiunge che non è stata avviata la fornitura alle scuole di mascherine FFp2″.

“Le ultime circolari ministeriali – si aggiunge – hanno aggravato le procedure per le scuole a vari livelli costringendo le stesse, con l’inasprimento dei contagi per Covid, a mettere spesso e ripetutamente gli studenti in didattica a distanza, con l’obbligo di effettuare per le scuole primarie la procedura del T0-T5, (con QR-code che tardano ad arrivare o non arrivano a tutti), anche a coloro che hanno aderito al piano vaccinale come indicato dal Ddl 229 del 30 dicembre 2021 che dispone per i contatti stretti ad alto rischio (punto 3, soggetti asintomatici) l’esenzione dalla quarantena bensì l’auto-sorveglianza, equiparando i soggetti che abbiano ricevuto la dose booster, completato il ciclo vaccinale primario o guariti nei 120 giorni precedenti. Nuovamente notiamo che i bambini ed i ragazzi sono coloro a cui è chiesto molto in termini di “prezzo da pagare” per via dell’emergenza sanitaria: la Scuola è il Luogo più sicuro dove stanno i nostri bambini e i nostri ragazzi, facciamo che la scuola ritorni a fare la scuola”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.