San Miniato, consigli comunali più partecipati grazie alla modalità mista. Sedute aumentate nel 2021

Gasparri: "Cresciute le interpellanze presentate, in particolare da Cambiamenti, ben 32 delle 36 complessive. Auspico diversa e proficua collaborazione"

L’emergenza sanitaria ha condizionato i lavori e costretto a modificare alcune modalità di svolgimento del consiglio comunale di San Miniato che, nel 2021, ha addirittura incrementato i propri impegni: si è riunito 18 volte, sempre in modalità mista, 6 in più del 2020, svolgendo 4 di queste sedute alla casa culturale.

Quattro le sedute aperte (Giorno della memoria, Giorno del ricordo, Premio Consiglio Comunale e Cittadinanza onoraria al milite ignoto). Dal 30 marzo 2021 ogni seduta è stata trasmessa in diretta streaming poiché le disposizioni anti Covid non consentivano la presenza di pubblico. Sono stati deliberati 92 argomenti tecnici (+33,7% rispetto al 2020), 2 ordine del giorno, 1 domanda di attualità, 15 mozioni e 36 interpellanze, un dato più significativo se si pensa che nel 2019 ne erano state presentate appena 14 (+61,1%).

A presentare l’attività svolta nell’anno da poco concluso sono stati il presidente del consiglio comunale Vittorio Gasparri e il vice presidente Michele Altini. Una delle novità sostanziali ha riguardato il cambio del ruolo di segretario generale: il 1 aprile 2021 Carlo Russo ha lasciato il posto per un altro incarico e, dopo un periodo di sostituzione da parte della vicesegretaria Sandra Guerrieri (aprile-giugno 2021), il Comune ha attivato a giugno una convenzione con il Comune di Certaldo per assegnare l’incarico a Danilo D’Aco.

Tra le commissioni consiliari permanenti, il maggior numero di riunioni le ha fatte la commissione “Finanze, bilancio e programmazione” che si è riunita 16 volte, 14 volte quella “Affari Istituzionali e Legali”, 13 volte quella di “Ambiente e territorio”, 7 quella delle “Attività Economiche”, 6 quella “Attività Culturali e Educative”, 8 quella delle “Pari Opportunità”.

La modalità mista di partecipazione ha permesso di abbattere in maniera significativa il numero di assenze ai 18 consigli e alle 64 sedute consiliari complessive facendo registrare una media altissima: alle sedute ha partecipato una media di 14,4 consiglieri (90%), ben al di sopra di quanto avveniva prima dell’introduzione del nuovo sistema di partecipazione digitale, avvenuta a marzo 2021.

Quattro le sedute consiliari aperte del 2021, due in più del 2020, tutte svolte alla casa culturale di San Miniato Basso: il 27 gennaio in occasione del Giorno della Memoria, il 10 febbraio per la celebrazione del Giorno del Ricordo, il 25 maggio per la consegna del Premio Consiglio Comunale e l’11 settembre per il conferimento della cittadinanza onoraria al milite ignoto. Ridotte invece le iniziative realizzate all’esterno del Comune. Sono state mantenute ma in forma ridotta e senza i tradizionali corteo l’anniversario della Liberazione (25 aprile), la Festa della Repubblica (2 giugno), la commemorazione delle vittime della strage del Duomo (22 luglio), la Liberazione di San Miniato (24 luglio), il 76esimo anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema (12 agosto) e la Festa dell’Unità Nazionale (4 novembre), mentre non sono state celebrate la Giornata dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera (17 marzo), la Giornata internazionale per la pace (21 settembre) e la Festa della Toscana (30 novembre).

Il gettone di presenza di ciascun consigliere è 20 euro (lordi) a seduta (lo stesso vale per la presenza alle commissioni consiliari). Il compenso totale stanziato per i consigli comunali del 2021 è 4.860 euro (lordi), +31,3% rispetto al 2020, mentre quello per la presenza a tutte le commissioni consiliari dell’anno ammonta a 8.580 euro (lordi), +30,8%.

Intanto riparte l’attività 2022 con la pubblicazione del bando relativo alla XVI edizione del premio Consiglio Comunale, per l’anno scolastico 2021/2022, riservato agli istituti scolastici del territorio (ultimo anno della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado) che quest’anno ha come tema “Il Gruppo: trama e tessuto delle nostre relazioni”. Sarà possibile presentare la domanda entro le 13 del 29 aprile 2022. Dopodiché sarà fissata una data per un consiglio comunale aperto durante il quale verranno consegnati i premi divisi per ordine e grado, sulla base dei progetti ritenuti migliori dalla commissione. L’edizione dell’anno scorso, dedicata alla figura di Dante Alighieri che, come di consueto, aveva in palio premi per 3mila euro, ha visto aggiudicarsi premi per 1.600 euro dalle classi dell’istituto “Sacchetti” e per 1.400 euro da quelle dell’istituto “Buonarroti”.

“Nel 2021 l’attività del consiglio è stata più intensa e impegnativa addirittura del 2020 – racconta il presidente Vittorio Gasparri -. Abbiamo incrementato il numero delle sedute consiliari e delle commissioni, oltre ad aver registrato una crescita anche delle interpellanze presentate, in particolar modo dal gruppo Cambiamenti, ben 32 delle 36 complessive. Un numero così elevato, se da un lato permette una discussione più ampia e approfondita sui molti temi, dall’altro rischia, con altrettanta forza, di ingolfare gli uffici comunali, impegnati per molte ore nella stesura e nel reperimento dei dati per la compilazione delle risposte, ritenute poi insoddisfacenti. Auspico quindi che si possa raggiungere una diversa e proficua collaborazione, senza danneggiare il ruolo delle forze politiche ma garantendo, in maniera efficace e tempestiva, risposte positive alla cittadinanza, agli Enti e alle associazioni.

Vorrei ringraziare il sindaco Simone Giglioli, il vice presidente Michele Altini per la preziosa collaborazione, i consiglieri e gli assessori per l’impegno, la competenza, la disponibilità e l’attenzione che mettono nello svolgimento del lavoro consiliare e tutti gli uffici comunali che rendono possibile lo svolgimento delle sedute. Per il 2022 mi auguro che il consiglio resti il luogo deputato al confronto, nel rispetto delle diverse forze politiche, ognuna con le proprie prerogative e peculiarità, continuando ad essere l’istituzione democratica per eccellenza”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.