Tumore alla prostata: a Cisanello visite gratuite

La prevenzione è infatti un imperativo visto che il tumore prostatico è inizialmente asintomatico

Anche l’Aoup, fra gli ospedali del network dei Bollini rosa che hanno ottenuto recentemente anche il Bollino azzurro, aderisce all’(H)Open Weekend promosso da Onda-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, dedicato alla prevenzione e alla diagnosi precoce del tumore alla prostata, per sensibilizzare la popolazione su una malattia che conta ogni anno circa 37.000 nuove diagnosi (il 19% di tutti i tumori maschili).

Così, in occasione della Festa del papà, in tutti gli ospedali che promuovono percorsi assistenziali per la prevenzione e cura di questa malattia sono state promosse iniziative nel weekend (visite ed esami gratuiti oltre a momenti informativi) per sottolineare l‘importanza della medicina di genere.

A Pisa, all’ospedale di Cisanello (Edificio 30, piano terra, percorso J arancione, ambulatori Urologia, sala attesa 19), saranno gli specialisti dell’Unità operativa di Urologia 2 (responsabile il dottor Giorgio Pomara) a effettuare visite di prevenzione gratuite il pomeriggio di venerdì 18 marzo (dalle 15 alle 18) e la mattina di sabato 19 marzo (dalle 10 alle 12,45). Prenotazione obbligatoria al numero: 050997768 (dal lunedì al venerdì, dalle 15 alle 17 – la prenotazione avverrà in ordine cronologico di chiamata fino ad esaurimento dei posti disponibili).

La prevenzione è infatti un imperativo visto che il tumore prostatico è inizialmente asintomatico. Le avvisaglie compaiono quando la massa tumorale, aumentata di volume, comprime le strutture circostanti. Tra i più comuni: difficoltà a urinare, minzione frequente o dolorosa, presenza di sangue nelle urine o nello sperma, sensazione di non riuscire a svuotare completamente la vescica. I sintomi urinari possono essere la spia anche di patologie prostatiche di tipo benigno, come l’ipertrofia: sarà lo specialista urologo a valutare l’opportunità di eseguire ulteriori indagini. L’età rappresenta il principale fattore di rischio, in particolare dopo i 50 anni. Altri fattori sono la familiarità e la presenza di specifiche mutazioni genetiche. Stili di vita scorretti, in particolare una dieta ricca di grassi animali, possono favorire l’insorgenza del tumore. Per questo è fondamentale la prevenzione, che consiste innanzitutto nell’adozione di un sano stile di vita (alimentazione corretta e attività fisica regolare) e poi nella diagnosi precoce, che consiste in una visita specialistica urologica e nel dosaggio del Psa (Antigene prostatico specifico).

A Pisa le iniziative sono coordinate dalla referente aziendale dei Bollini rosa/azzurri Federica Marchetti.

I servizi offerti nelle giornate del 18,19 e 20 marzo nei vari centri italiani sono consultabili sul sito www.bollinirosa.it dal 7 marzo con indicazioni su date, orari e modalità di prenotazione

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.