La regina della neve in scena al teatro Verdi

Attesa per il saggio dei bambini

Giovedì prossimo (21 aprile) alle 19 al Teatro Verdi di Santa Croce sull’Arno si terrà il saggio spettacolo dei bambini che hanno partecipato al laboratorio della scuola di teatro Achab, condotto da Sonia Montanaro, operatrice di Giallo Mare Minimal Teatro, sostenuto dal Comune di Santa Croce sull’Arno e realizzato da Giallo Mare Minimal Teatro nell’ambito delle attività di Residenza Teatrale.

In scena La regina della neve, liberamente tratto dalla fiaba di Hans Christian Andersen

Nevica, tutto è bianco e pieno di vita.

Kay e Gerda sono due tra i molti bambini che giocano. Giocano tanto, giocano sempre insieme.

Poi un frammento freddo entra nell’occhio del bimbo – nel cuore del bimbo – il suo carattere cambia all’improvviso e, all’improvviso, Kay sparisce. Con abilità ha agganciato una slitta candida, magnifica. E’ quella della Regina delle Nevi.

Gerda partirà sola, alla ricerca dell’amico e noi saremo con lei nella strada difficile che la porterà scalza al castello della Regina gelata.

La fiaba di Andersen ci ha accompagnato a sperimentare la ricerca, il viaggio intrapreso con uno scopo dando ad ogni passo qualcosa di sé, il proprio coraggio, la propria paura, le scarpette rosse amate, gli scarponcini di pelo che proteggevano dal freddo. Quasi si lascia nella speranza di trovare. E, seguendola, viene il sospetto che Gerda arrivi perché andando, insieme agli aiuti dei suoi incontri, ella ha lasciato.

I piccoli in scena sono: Ornella Aliberti, Nicole Ceglie, Cesare Ciaponi, Guido Giuntoli, Davide Guidi, Lucilla Lazzerini, Aurora Lupi, Sofia Maioli, Giulia Malvolti, Bianca Ossani, Livia Parrini Marianelli, Gian Maria Remi, Elettra Riccioni, Rafael Russo, Rosi Russo, Cloe Salcito, Giorgia Venturi.

Ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.