Palio dei barchini, giovani barcaioli per San Pietro: il bilancio delle prove libere foto

Sarà di nuovo una gara a tre, 8 mesi dopo

Il Palio dei barchini con le ruote di Castelfranco di Sotto riparte più o meno da dove era rimasto 8 mesi fa, nell’insolita edizione a porte chiuse vinta sul bagnato dai rossoblù di San Bartolomeo. Sulla griglia di partenza troveremo in buona parte gli stessi volti e le stesse coppie dello scorso ottobre, con alcune sorprese solo in San Pietro, ma troveremo anche le stesse assenze. Quelle dei barcaioli gialloneri di San Michele, che nella scorsa edizione avevano abbandonato la piazza dopo la squalifica al minipalio decidendo di non rientrare più, neanche 8 mesi dopo, in segno di protesta contro un sistema organizzativo che i gialloneri chiedono di rivedere in maniera radicale.

Anche stavolta dunque sarà una sfida a tre. Ma soprattutto sarà una sfida tra San Bartolomeo e le contrade di San Martino e San Pietro decise a rovinargli la festa. In caso di ulteriore vittoria, infatti, il quartiere rossoblù porterebbe definitivamente in sede il cencio dell’artista Samanta Casagli messo in palio dal 2018, sul quale il quartiere di Paterno ha già messo a segno 2 dei 3 sigilli necessari per aggiudicarselo per sempre. Nonostante la consueta tattica dei rossoblù, abituati a non spingere mai fino in fondo nei giri di prova di fronte ai rivali, le tre serate di prove libere andate in scena lunedì, martedì e ieri sera sul circuito di piazza Garibaldi hanno permesso di farsi un’idea sul Palio dei barchini che si correrà domenica, scoprendo volti e nomi della 36esima edizione.

San Bartolomeo ovviamente affiderà la conquista del cencio alla coppia dei record, Stefano Veltri ed Elia Ciaraolo (già vincitori nel 2016, 2017, 2019 e 2021), autori lo scorso ottobre di una clamorosa rimonta sotto la pioggia. I rossoblù schiereranno le stesse coppie anche nel minipalio e nel palio rosa, affidati rispettivamente a Luca Spagli e Samuele Bartoli e Sidny Velardi e Federica Savoia.

Stessi equipaggi anche sui barchini della contrada San Martino, intenzionata a riscattare l’occasione persa di 8 mesi fa. Le speranze del quartiere di Catiana sono affidate ancora a Samuele Campinoti e Daniele Quarta, che nel 2018 riuscirono a rompere lo strapotere di San Bartolomeo inaugurato dal 2014. Nella corsa del minipalio ci saranno ancora Massimiliano Lorenzetti e Francesco Nannei, vittime 8 mesi fa dell’ormai celebre ‘bacchiata’ del ‘dietrista’ di San Michele Alessio Gragnoli (considerata volontaria dai giudici), da cui è scaturita la polemica e la conseguente assenza dei gialloneri. Nel Palio Rosa, invece, San Martino porta in pista ancora una volta Benedetta Cavallini e Emma Papa. Nella squadra verdearancio sono disponibili come risorse anche il veterano Jacopo Mirarchi e l’esordiente Jessica Castellani.

Piccola rivoluzione, invece, tra i barcaioli di San Pietro a Vigesimo, dove non troviamo più la coppia dell’ultimo palio, Claudio Farese e Mirko Cipriano. Al loro posto l’allenatore Federico Monti potrebbe decidere di promuovere la coppia che aveva vinto il minipalio di ottobre, composta da Leonardo Musta e Antonio Maiorella, anche se in squadra sono disponibili pure gli esordienti Alessandro Mariotti, Iglen Hysaj e Luca Forte: a due di loro sarà probabilmente affidato il minipalio. Nessun dubbio invece nella corsa al femminile, dove le barcaiole biancocelesti Diletta Macchi e Francesca Marcori hanno inaugurato dal 2018 un vero e proprio predominio. Le due ragazze di Vigesimo non hanno alcuna intenzione di fermarsi, decise a conquistare il ‘cencio delle donne’ firmato sempre dall’artista Samanta Casagli. Nella squadra di San Pietro, infine, si allena da quest’anno anche l’esordiente Nicole Ciabatti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.