Le mense scolastiche dell’Unione Valdera scelgono il biologico e conquistano il “marchio oro”

Parteciperà anche al convegno "Biologico First"

L’Unione Valdera ha scelto da tempo di investire sulle forniture di prodotti biologici da servire nelle mense scolastiche delle scuole dei comuni che ne fanno parte ovvero Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Palaia e Pontedera. A certificare in maniera ufficiale le mense del territorio attraverso l’assegnazione del “marchio oro”, il riconoscimento di eccellenza per antonomasia, è stato proprio il  Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Un riconoscimento non solo formale, ma che prevede anche l’attribuzione da parte del dicastero di un significativo contributo economico per la riduzione dei costi sostenuti dall’utenza e la promozione del biologico.

Un sostegno, anche finanziario, che intende premiare la scelta di utilizzare prodotti biologici per le mense scolastiche, scelta che significa garantire agli studenti il consumo di cibo più salubre e dalle migliori qualità organolettiche, ma che ha anche un importante valore educativo e culturale per i ragazzi indirizzandoli verso i principi di sana alimentazione e, più in generale, invitandoli al rispetto per la natura e per i suoi cicli vitali. La scelta biologica aiuta inoltre a sostenere un modello di produzione su piccola e media scala e di filiera corta, che può portare una importante ricaduta positiva sulle aziende agricole del nostro territorio. Di questo e di tanto altro ancora si parlerà nel convegno “Biologico First!”, che si svolgerà martedì 31 maggio nella Sala Convegni dell’Unione Valdera alla presenza di autorità ed esperti del settore.

Ad aprire questo importante incontro sarà alle 15,30 la presidentessa dell’Unione Valdera, Arianna Cecchini. Sono previsti inoltre i contributi delle onorevoli Lucia Ciampi e Susanna Cenni, dell’assessora regionale all’Agricoltura, Stefania Saccardi e dell’assessora regionale all’Istruzione, Alessandra Nardini. Sarà presente ai lavori anche la dottoressa Alessandra Morganti del Ministero delle Politiche Agricole, mentre dopo sarà Simonetta Radi, dirigente dell’Unione Valdera a coordinare gli interventi di Marina Lauri, responsabile  Agricolutra ANCI, Massimo Rovai, professore dell’Università di Pisa e Ivan Mencacci, presidente associazione Distretto Rurale Valdera e Valdarno inferiore che indagheranno le implicazioni e le possibili ricadute sul territorio della scelta delle mense biologiche in Valdera.

Intorno alle ore 17,30 ,a chiudere il convegno, sarà Marco Gherardini, sindaco con delega alle attività produttive, al turismo e ruralità dell’Unione Valdera. A seguire un aperitivo con prodotti biologici per tutti i partecipanti. L’evento è aperto a tutti i cittadini, ma per prendere parte a questo stimolante appuntamento è necessario iscriversi inviando una mail a info@unione.valdera.pi.it. Allo stesso indirizzo si potranno inoltre chiedere ulteriori informazioni in merito al convegno.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.