Quantcast

Luci votive, “Nessuno ha pagato due volte ma la società subisce un notevole tasso di morosità”

Lo chiarisce la società gestrice del servizio a Santa Croce sull'Arno. "Nel 2% di casi riscontrati in cui avviene l’errore, i nostri uffici sono stati disponibili"

Non ci risultano casi di persone che hanno dovuto pagare due volte, mentre la società subisce ogni anno un notevole tasso di morosità”. Ci tiene a precisarlo Morfeo, che gestisce i servizi cimiteriali per il comune di Santa Croce sull’Arno, dopo le perplessità espresse dal consigliere comunale Enzo Oliveri (leggi qui).

La società spiega che “non inviamo cartelle di pagamento né diffide di pagamento, ma più semplicemente una comunicazione di richiesta di pagamento del canone annuo del servizio di luce votiva con allegato il bollettino postale precompilato da pagarsi all’ufficio postale come indicato. In caso di mancato pagamento oltre un anno, lasciamo la lampada votiva comunque accesa e di fatto continuiamo ad erogare il servizio.

Nel 2% di casi riscontrati in cui avviene l’errore – causato per lo più dal fatto che non sono utilizzati i bollettini postali allegati nell’avviso ed il pagamento non avviene all’ufficio postale –, i nostri uffici si sono sempre resi disponibili ad effettuare verifiche e a chiudere immediatamente la posizione ove questa risulti pagata”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.