Quantcast

Il comprensorio del Cuoio dice stop agli incidenti sul lavoro

Il tema sarà al centro di un convegno con l'Anmil

Formazione e cultura della sicurezza, parole chiave di un impegno che vede uniti e concordi i rappresentanti delle istituzioni, dei sindacati e delle associazioni di categoria del Comprensorio che si confronteranno sabato (11 giugno), in occasione del convegno Sul lavoro in sicurezza, organizzato alla Casa culturale a San Miniato Basso alle 10 e promosso dai Comuni del Comprensorio del Cuoio (San Miniato, Montopoli Val d’Arno , Santa Croce sull’Arno e Castelfranco di Sotto), in collaborazione con Anmil e Ipa, con il patrocinio di Confcommercio Provincia di Pisa, Confesercenti Toscana Nord, Cna Pisa, Unione Industriale Pisana, Cgil, Cisl e Uil. A presentare l’evento sono il sindaco di San Miniato Simone Giglioli, insieme alla presidente di Anmil Pisa Alessandra Caponi, al presidente Ipa (International Police Association) di Pisa Angelo Molinaro, agli assessori e alle assessore alle politiche del lavoro dei Comuni promotori: Elisa Montanelli per San Miniato, Ilaria Duranti per Castelfranco di Sotto, Daniele Bocciardi per Santa Croce sull’Arno e Valerio Martinelli per Montopoli in Val d’Arno.

“L’Anmil nasce per tutelare i lavoratori che si sono infortunati sul lavoro e, ad oggi è presente su tutto il territorio nazionale, a fianco di chi deve essere tutelato. Il nostro impegno è quello di andare nelle scuole a parlare con le ragazze e i ragazzi futuri lavoratorici e lavoratori, portando le esperienze di chi è rimasto vittima di incidenti sul lavoro, grazie ad un protocollo d’intesa siglato con la Regione Toscana – spiega Alessandra Caponi, presidente di Anmil Pisa -. Andare a lavorare e non tornare più a casa è qualcosa di inaccettabile che ancora accade, purtroppo, per questo ringrazio i Comuni del Comprensorio del Cuoio che hanno mostrato grande sensibilità verso questo tema, accogliendo un convegno importante che segna l’inizio di una proficua collaborazione tra l’associazione e le amministrazioni comunali di questo territorio, per diffondere la cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro”.

“L’iniziativa nasce con l’intento di riportare l’attenzione al grave bilancio di questi ultimi anni, non solo per quanto attiene agli infortuni sul lavoro, ma anche per quanto riguarda le malattie professionali, troppo spesso dimenticate – dichiarano gli amministratori e le amministratrici dei Comuni del Cuoio -. Servono grandi investimenti sul piano culturale, affinché la sicurezza diventi un valore organizzativo delle aziende, e non un semplice adempimento burocratico da assolvere. La tutela e la salute degli uomini e delle donne che ogni giorno vanno a lavorare, sono il principio base di un insieme di norme della Repubblica Italiana che compongono il testo unico per la sicurezza dei lavoratori e l’obiettivo che tutte le parti sociali (istituzioni, imprese e lavoratori) devono raggiungere, facendo fronte comune. Ci è sembrato quindi opportuno accogliere la proposta di Anmil e organizzare questo convegno dedicato proprio a queste problematiche, nel nome di due concetti base dai quali non è più possibile prescindere: prevenzione e formazione. La morte sui luoghi di lavoro è inaccettabile, una ferita che la collettività non può e non deve più sopportare. Grazie ad Anmil, ai sindacati, alle associazioni di categoria, all’Asl e a tutte le altre realtà che ogni giorno si battono per sconfiggere questo male che ci riguarda da vicino”.

All’incontro parteciperanno Pasqualino Albi, ordinario di diritto del lavoro dell’Università di Pisa e consigliere giuridico del Ministro del lavoro, Alessandra Nardini assessora regionale alle politiche del lavoro, Zoello Forni presidente nazionale Anmil, Carmine Cervo direttore dell’Inail di Pisa, Luca Mazzi testimonial del progetto promosso da ANMIL “Luca si racconta”, Tonina Enza Iaia medico del lavoro dell’Asl Toscana Centro, Tania Benvenuti della Cgil in rappresentanza delle organizzazioni sindacali, Fabrizio Vitale dell’Unione Industriale Pisana in rappresentanza delle associazioni di categoria e alcuni rappresentanti del mondo della scuola (docenti e studenti degli istituti superiori cittadini, IT Cattaneo di San Miniato e Liceo Marconi di La Scala). Coordina Alessandra Menicucci, docente di diritto dell’IT “Cattaneo” di San Miniato.

L’ingresso è libero e la registrazione dei partecipanti avverrà a partire dalle 9.45.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.