Rischia di spegnersi la Luminara di Santa Maria a Monte

Aumentano i costi e diminuiscono i volontari

Circa 3mila euro solo per acquistare gli oltre 7mila lumini. Poi c’è da posizionarli e accenderli. Insomma, con questi uomini e mezzi, rischia di non accendersi la Luminara dell’Assunta di Santa Maria a Monte.

Una tradizione che voleva riprendere, come è successo per le Paniere, dopo lo stop forzato a causa della pandemia da coronavirus, ma che si sta preparando senza troppo entusiasmo. Almeno finora. La speranza della Misericordia, che da sempre la cura, è infatti che le cose possano cambiare nelle prossime settimane, per offrire il solito spettacolo la sera del 14 agosto. Uno spettacolo iniziato nel 1391, quindi 631 anni fa.

La luminara di Santa Maria a Monte è in buona compagnia, di città con ben altre possibilità come sono Pisa e Lucca.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.