Gam, medaglie per San Miniato ai giochi estivi special olympics

Al ritorno del gruppo di ragazza festa per le vittorie

Dopo due anni di pandemia, finalmente sono tornati in presenza i giochi nazionali estivi di special olympics, che quest’anno si sono svolti a Torino, dal 4 al 9 giugno.

Una rappresentanza di atleti della squadra di bowling e una rappresentanza della squadra di atletica sono partiti con due pulmini da 9 posti, il nuovo mezzo della Gam e il pulmino dell’associazione sport e solidarietà San Miniato. Carichi di energia, allegria ed emozione, divisi su due impianti bowling e atletica hanno affrontato le gare di special olympics.
Per alcuni ragazzi era la prima esperienza e ci sono stati risultati fantastici.

“Siamo tornati a casa – spiegano gli organizzatori – con le nostre medaglie al collo ma soprattutto con un bagaglio di emozioni uniche. Abbiamo sperimentato i veri valori dello sport, la condivisione delle vittorie e delle sconfitte, anche con atleti di altre regioni. Le trasferte lasciano un segno indelebile nei nostri cuori, fanno crescere gli atleti i tecnici e l’intera associazione”.

“Torniamo a casa un po’ stanchi, ma soprattutto felici – ha detto Giulia Salvadori, responsabile tecnico special Olympics -, i ragazzi in questi giorni hanno dato il meglio di sé, gli atleti del bowling migliorando tutti i loro punteggi e i ragazzi dell’atletica affrontando con ottimi risultati la loro prima esperienza”.
Sorrisi, tensione, gioia, coraggio, passione, grinta, orgoglio, e infine festa, tutto questo è lo sport per la Gam.
Al rientro ad attenderli per festeggiare i risultati ottenuti e per condividere i valori dello sport, erano presenti tutti i familiari e gli atleti che non hanno potuto partecipare.

“Ieri sera è stata una serata ricca di festeggiamenti, tutti insieme alla Sagra della pizza a Ponte a Egola, ringraziamo l’associazione la Ruga che ci ha accolto e concesso lo spazio necessario. Le bandiere di Special Olympics sventolavano – racconta Gisella Ensabella -, ci sono stati i saluti e complimenti dell’assessore Arzilli del Comune di San Miniato, i saluti del vescovo Monsignor Andrea Migliavacca, erano presenti alcuni soci del Lions Club di San Miniato, il direttore e il vicepresidente della Società sportiva Lupi di Santa Croce e tutti i familiari degli atleti. I veri protagonisti della serata sono stati tutti gli atleti Gam, hanno raccontato la loro esperienza, hanno mostrato le loro medaglie, e hanno tutti ricevuto la nuova divisa donata dai Lupi di Santa Croce, un gesto che fa onore a una società sportiva affermata come quella dei Lupi”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.