Quantcast

Sos siccità, Coldiretti: “Crisi idrica per un fiume su due. A rischio intere coltivazioni”

Pronto il piano dell'associazione e Anbi per la realizzare di una rete di piccoli invasi con basso impatto paesaggistico

Giugno come agosto. Nella campagna toscana è sos siccità dove il rischio di una riduzione importante delle rese delle produzione in campo come girasole, mais, grano e degli altri cereali ma anche di olivi, ortaggi e della frutta che si stacca prematuramente dalle piante per effetto dello stress idrico, è sempre più concreto.

“L’assenza prolungata della pioggia con le precipitazioni che sono state dal 50% al 70% in meno rispetto alla media storica e l’arrivo di Scipione dopo un mese di maggio che si è classificato il secondo più caldo di sempre, con una temperatura di 1,83 gradi superiore alla media climatica dal 1800 ad oggi, aggrava ulteriormente una situazione di forte sofferenza idrico con un corso d’acqua su due che fa registrare portate inferiori alla media del periodo”. È quanto afferma Coldiretti Toscana sulla base dei dati del servizio idrogeologico della Regione Toscana e dell’Anbi.

“Manca l’acqua necessaria ad irrigare le coltivazioni che si trovano in una situazione di stress idrico che mette a repentaglio le produzioni in buona parte della regione, in un 2022 segnato fino ad ora da precipitazioni praticamente dimezzate. Per salvare le coltivazioni, laddove è possibile, si sta ricorrendo all’irrigazione di soccorso attingendo dai pozzi o attraverso le botti – spiega il presidente di Coldiretti Toscana, Fabrizio Filippi -. Senza un sistema di irrigazione consortile diffuso ed organizzato, che oggi copre appena il 9% dei campi coltivati, ed una intelligente distribuzione di invasi ad impatto zero la nostra agricoltura è destinata a perdere competitività. Dobbiamo essere pronti alle sfide che i cambiamenti climatici ci imporranno evitando sprechi, recuperando tutta l’acqua piovana possibile e applicando con rigore le tecniche dell’agricoltura di precisione per salvaguardare le falde”.

“L’assenza di precipitazioni unita alle temperature fuori stagione, più a mese di agosto che di giugno, sta causando gravi preoccupazioni per i produttori agricoli e il conseguente rischio sulla disponibilità di cibo in un momento difficile a causa della guerra in Ucraina e dei forti rincari nel carrello della spesa con aumenti di prezzi degli alimentari che hanno raggiunto a maggio il +7,1 per cento. Il balzo delle temperature – continua Coldiretti Toscana – sta favorendo inoltre il diffondersi degli insetti fastidiosi per gli uomini e dannosi per le coltivazioni come la cimice asiatica e il moscerino dagli occhi rossi, particolarmente temuti dai produttori ortofrutticoli per le perdite dei raccolti che possono provocare. L’altro effetto collaterale riguarda il rischio incendi con la Regione Toscana che ha anticipato dall’11 giugno il divieto di abbruciamenti su tutto il territorio regionale”.

“Per risparmiare acqua, aumentare la capacità di irrigazione e incrementare la disponibilità di cibo per le famiglie è stato elaborato e proposto da Coldiretti e Anbi un progetto immediatamente cantierabile per la realizzazione di una rete di piccoli invasi con basso impatto paesaggistico e diffusi sul territorio, privilegiando il completamento e il recupero di strutture già presente. L’idea è di realizzare laghetti, senza uso di cemento e in equilibrio con i territori, per conservare l’acqua e distribuirla quando serve ai cittadini, all’industria e all’agricoltura, con una ricaduta importante sull’ambiente e sull’occupazione. In questo senso la Regione Toscana si è già mossa destinando 1,2 milioni di euro per un fondo di rotazione finalizzato anche alla progettazione di opere irrigue da parte dei Consorzi di Bonifica nell’ambito del Bilancio 2022 della Regione Toscana sostenuto da Coldiretti. In questo scenario di profonda crisi idrica – conclude il presidente Filippi –  è necessario agire nel breve periodo per definire le priorità di uso delle risorse idriche ad oggi disponibili, dando precedenza al settore agricolo per garantire la produzione di cibo”.

Le situazioni più critiche con valori di siccità severa si registrano principalmente per i bacini del Magra e Serchio, con una portata più che dimezzata rispetto alla scorsa settimana, e nei bacini di Cecina, Cornia, Bruna, Pecora e parte dell’Ombrone. Analizzando ancora le portate per bacini, è proprio l’Arno quello con i volumi diffusamente minori, sia in termini percentuali rispetto al mese di aprile (-70% circa), sia in termini statistici, in quanto quasi tutte le sezioni si posizionano al di sotto del 25° percentile (portata media più bassa del normale) secondo il Servizio Idrogeologico della Regione Toscana. Portate inferiori alla media si registravano già a maggio per l’Ambra a Bucine, Serchio a Ripafratta a San Giuliano Terme, Serchio a Monte S.Quirico, Sieve a Fornacina a Rufina, Elsa a Castelfiorentino, Ombrone, Cecina a Ponte di Monterufoli oltre che per l’Arno.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.