Quantcast

San Miniato Capitale della cultura, Giglioli ne parla con Gori e Del Bono

Per ora è solo una fantasia. I due sindaci stanno già promuovendo le loro città a bordo delle Mille Miglia

Il sindaco Simone Giglioli sembra averci fatto la bocca. Anche se l’idea di San Miniato Capitale della cultura non è sua ma del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, sembra proprio disposto a cavalcarla. Oggi 17 giugno infatti, in occasione del passaggio delle 1000 Miglia da San Miniato, ha incontrato i sindaci di Bergamo e Brescia Giorgio Gori ed Emilio Del Bono, che si stanno già occupando di promuovere l’immagine delle loro due città, capitali della cultura 2023.

Per San Miniato è stata l’occasione di prendere qualche spunto e comprendere meglio il cammino da fare perché, si sa, ogni cosa se avessimo potuto farla una seconda volta l’avremmo fatta diversamente. Basta capire come. San Miniato sarebbe candidata a capitale italiana della cultura 2026. Per farlo, serve presentare la candidatura appunto: redarre un progetto da sottoporre alla commissione ministeriale che decide se accettarlo o no.

Costituire un gruppo di lavoro potrebbe essere il primo passo. Anche per scegliere quali prodotti e quali città vicine mettere nel pacchetto, così da renderlo più appetibile degli altri alla commissione. Conceria e tartufo sono i profumi di San Miniato, che può raccontare le storie dei personaggi illustri che qui sono nati o sono passati (come Napoleone) e per soddisfare la vista, continuando a sollecitare i 5 sensi, c’è un orizzonte vasto dal prato della Rocca in giù.

Per ora, comunque, no c’è niente di più che una bella fantasia. D’altra parte, però, la Toscana non è nuova a esperienze del genere.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.