La terza vita del postino ex calciatore, Masetti è in pensione

Ha giocato diversi campionati e poi ha anche allenato

E’ entrato in servizio quando l’ufficio postale si trovava in via Arcivescovo Ruffino a Fucecchio, là dove nel frattempo è arrivato un ristorante cinese. Dopo più di 43 anni da postino (conosciutissimo come solo il porta lettere di una volta potevano essere), Mario Masetti è andato in pensione e ha appeso “il motorino al chiodo” così come aveva fatto con gli scarpini.

Sì perché da grande appassionato di calcio e tifoso del Milan, dopo la trafila nel settore giovanile era approdato in prima squadra a Fucecchio, dove ha militato per diversi campionati come attaccante. Poi ha allenato per diversi anni nel settore giovanile.

Inizia ora, quindi, la sua terza vita. Ancora con la passione per il calcio e in giro per le strade del paese, ma senza lo zaino con le lettere da consegnare. In 40 anni, ha pensarci, è cambiata un’epoca e nella cassetta delle lettere ormai arrivano più che altro bollette e pubblicità. Un bel momento insomma e tutto sommato, questo per voltare pagina.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.