A Uliveto Terme sarà inaugurato il barchetto

L'imbarcazione è stata donata dalla famiglia Frassi e restaurata da Yachtline 1618 Spa

Domani (8 luglio) alle 18, il sindaco Matteo Ferrucci e l’amministrazione comunale inaugureranno  il barchetto a Uliveto Terme, all’intersezione tra le vie XX Settembre, delle Fornaci e Lungarno Garibaldi. L’imbarcazione, restaurata da Yachtline 1618 Spa e donata dalla famiglia Frassi alla quale appartiene Franco, l’ultimo dei grandi maestri d’ascia della tradizione ulivetese, viene collocata dall’amministrazione in memoria di coloro che, per generazioni, hanno usato il barchetto per la pesca di fiume, attività ben sviluppata a Uliveto Terme, e per trasportare persone da una sponda all’altra dell’Arno.

Insieme ai navicelli, con i quali gli ulivetesi trasportavano blocchi di pietra, mucchi di pietrisco e merci a Pisa e a Livorno, sempre attraverso la navigazione fluviale, con arte e fatica, i barchetti sono splendidi simboli di un paese, della sua storia e di una intera comunità. Fanno rivivere il ricordo, che etimologicamente significa proprio “riportare al cuore”, di coloro che, sfruttando abilmente i venti e conoscendo bene il fiume, facevano avanzare queste imbarcazioni a beneficio degli altri, delle persone che dovevano spostarsi, della crescita del proprio paese e del proprio territorio e a sostegno delle loro famiglie.

 “In occasione dell’inaugurazione del barchetto e nei giorni a venire – dicono il sindaco Matteo Ferrucci e il vicesindaco Andrea Taccola – avremo l’occasione di ammirarlo quasi come se fosse un’opera d’arte, in effetti è molto bello, e ciò che evoca ci emoziona, pensando a tutti gli uomini che, con sforzo intenso, passione, capacità e impegno, hanno attraversato per anni l’Arno, interpretando correnti e mutazioni del tempo e delle stagioni. Tradizioni e storie di cui vogliamo serbare preziosa memoria”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.