Telecamere negli spogliatoi del San Giuseppe, l’Asl incontra il personale

Saranno illustrate le possibili iniziative da adottare a tutela delle persone coinvolte

“Piena disponibilità dell’Asl Toscana Centro ad accogliere le richieste del personale sanitario coinvolto nella incresciosa vicenda delle telecamere nascoste all’interno di uno spogliatoio dell’ospedale San Giuseppe di Empoli”. Con questa premessa, nei prossimi giorni ci sarà un incontro con una rappresentanza del personale sanitario vittima della vicenda, insieme ad alcuni rappresentanti delle organizzazioni sindacali territoriali. All’incontro sarà presente la direzione di presidio insieme all’ufficio legale dell’azienda.

Durante l’incontro saranno illustrate le possibili iniziative che l’azienda intende adottare a tutela delle persone coinvolte e le eventuali modalità di svolgimento nei vincoli di norma. Sarà anche l’occasione per poter esprimere nuovamente, da parte di tutta la direzione aziendale e del presidio ospedaliero, la massima solidarietà, per la gravità del gesto, già evidenziata nelle parole di conforto nell’invito a firma di Silvia Guarducci, direttrice sanitaria San Giuseppe e Loriana Meini, direttrice assistenza infermieristica area empolese: “A tutte voi la nostra vicinanza che ogni giorno date un enorme contributo allo svolgimento dell’attività all’interno dell’ospedale e che permettete, con fatica e affrontando grandi difficoltà, anche causate dalla pandemia, di mandare avanti con professionalità un sistema complesso a favore del cittadino, con competenza e dedizione al lavoro di ogni giorno. La direzione di presidio esprime tutta la solidarietà per la vicenda che vi ha viste coinvolte e che rende ancora più forti il rispetto e il valore umano di ognuna di voi”.

Sull’accaduto stanno ancora indagando i carabinieri di Empoli, a cui hanno sporto denuncia le vittime per individuare i responsabili di tale violazione. Al momento l’indagine è in corso e l’Asl Centro auspica in una conclusione a breve, sottolineando l’impegno nella collaborazione con le autorità inquirenti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.