Le reliquie del beato Del Corona nelle chiese della diocesi

E' a Cigoli fino alla festa della Madre dei bimbi

Il suo giro nelle parrocchie è passato per Ponsacco, Bassa, Gavena, Pieve a Ripoli e Marcignana. Ora le reliquie del beato Pio Alberto Del Corona (per approfondire) sono entrate nel comprensorio del Cuoio dal santuario di Cigoli di San Miniato, dove resteranno fino alla festa della Madre dei bimbi del 21 luglio, quando a celebrare la santa messa, alle 11, arriverà il vescovo don Andrea Migliavacca.

Ripartiranno poi, in una sorta di insolita visita pastorale, per le frazioni di Casteldelbosco, La Rotta, Lazzeretto e Balconevisi. Un tour ancora tutto da definire comunque, quello del vescovo più illustre della storia della Diocesi che si appresta a festeggiare i suoi 400 anni (per approfondire), il primo ad essere stato elevato alla gloria degli altari.

Ma ancora poco venerato tra la sua gente. E allora ecco l’idea del “tour”, a 7 anni dalla beatificazione, in questa estate segnata dalla ripresa degli eventi, dei concerti e dei bagni di folla. Perché è soprattutto nella confusione che c’è bisogno di silenzio e chiarezza, oltre che di amici veri sui quali contare sempre.

I parroci della diocesi possono ancora prenotare la visita delle reliquie del Beato, magari sollecitati anche da qualche fedele. Come faceva in vita insomma, il vescovo è in cammino e chiede alla sua diocesi di camminare con lui.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.