Scuola digitale, all’istituto compresivo di Santa Croce arrivano i monitor touch screen

Per i ragazzi nuovi strumenti innovativi ed efficaci che permettono di potenziare il processo di insegnamento/apprendimento

I ragazzi sono in vacanza, ma all’Istituto comprensivo di Santa Croce sull’Arno la scuola continua ad arricchirsi di strumenti digitali. Proprio in questi giorni, infatti, tutte le aule dei nove plessi sono state dotate di monitor touch screen, strumenti innovativi ed efficaci che permettono di potenziare il processo di insegnamento/apprendimento, che ampliano le attività proposte, permettono di aumentare la motivazione dei ragazzi, e li aiutano a sperimentare, esplorare, sviluppare le competenze e sono un valido supporto all’attività didattica quotidiana.

“L’anno scolastico appena trascorso – scrivono gli insegnanti – ha visto la nostra scuola protagonista di nuovi contenuti e proposte interattive. A maggio presso l’Istituto si è svolto ‘L’open day digitale‘ promosso dal dirigente scolastico Alessandro Imperatrice e organizzato dall’animatore digitale Maria Casale insieme ai membri dell’area innovativa: Greco, Lischi, Trevissori”. L’evento ha visto coinvolti gli alunni, gli insegnanti ed anche i genitori.

“È stata un’occasione per i ragazzi di sperimentare e mostrare alle loro famiglie un modo diverso di apprendere grazie ai dispositivi di cui l’Istituto è venuto in possesso partecipando allo Speciale Bando Steam, finalizzato alla realizzazione di spazi laboratoriali – proseguono gli insegnanti – Una vera e propria occasione di crescita che ha visto i ragazzi desiderosi di collaborare, confrontarsi, giocare, proporre e divertirsi”.

Le attrezzature ottenute per l’insegnamento del Coding e della robotica educativa, come robot didattici, set integrati e modulari programmabili con App, anche con motori e sensori, droni educativi, grafica e stampanti 3D, realtà virtuale, veicoli dotati di motore con ‘cervello’ esprimibile attraverso diversi linguaggi, kit didattici e moduli elettronici intelligenti per l’insegnamento delle discipline Stem, (scienza, tecnologia, ingegneria, arte, matematica) consentono alla scuola di guardare al futuro, offrendo agli alunni le competenze digitali e tecnologiche per una didattica innovativa. Gli strumenti digitali aiutano gli studenti a migliorare, in modo coinvolgente e collaborativo, le proprie competenze tecniche e informatiche attraverso il problem solving, il pensiero computazionale, nonché critico e di confronto.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.