Sul palco fino all’ultimo, Fucecchio piange Maurone

La batteria e il nipote erano le sue grandi passioni

Fucecchio piange un altro suo musicista. Mauro Boldrini è improvvisamente venuto a mancare ieri (26 luglio). Maurone, come lo chiamavano gli amici più intimi, 66 anni, fucecchiese, operaio calzaturiero in pensione, era un persona molto conosciuta, stimata ed apprezzata con una grande passione per la batteria che lo ha sempre accompagnato durante la sua vita.

In gioventù aveva fatto parte parte del gruppo musicale del Poggio insieme ad altri coetanei ed amici fucecchiesi appassionati come lui di musica. Nell’ultimo fine settimana si era anche esibito alla Sagra della Bistecca organizzata dalla Contrada Ferruzza e tutti gli anni si esibiva in piazza Montanelli in occasione del Cispia Party.

Tanti già i messaggi di affetto e di stima lasciati dagli amici e conoscenti. Particolarmente toccante il saluto della mamma di suo nipote Sebastian, un bambino di due anni al quale Mauro era molto legato e che insieme alla musica era la sua grande passione.
Vivevi per quel nipotino come solo un nonno sa fare, ed al quale ora andrà detto che non ci sei più”. Boldrini lascia il figlio Giovanni e la sua compagna ai quali era molto legato, oltre al nipote Sebastian, la sua grande passione, che spesso accudiva. Mauro aveva perso la moglie alcuni anni fa per una malattia incurabile.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.