In vacanza con gli amici a 4 zampe: 1131 passaporti europei pet rilasciati dall’Ausl Toscana centro

Molteplici le destinazioni: Croazia, Francia e Austria restano le preferite, anche se non mancano i viaggi transoceanici

Ritorno alla normalità anche per  nostri amici a quattro zampe, in vacanza  verso i Paesi Europei. Lo rende noto la unità funzionale complessa dell’Asl Toscana centro, diretta dal dottor Enrico Loretti, che da maggio maggio a luglio di quest’anno ha già rilasciato 1.131 passaporti Europei Pet per gli animali d’affezione.

“Una così cospicua richiesta di questo documento indispensabile per viaggiare all’estero con il proprio animale, anche a fronte del dato 2021, nel medesimo periodo, dove gli utenti erano stati poco più di 600, lancia un confortante segnale di ritorno alla normalità”,- sottolinea Loretti

Invariata invece la tendenza all’espatrio per tipologia di animali. I cani si confermano i più “viaggiatori” (1044), mentre i gatti (87), forse anche per la loro gestione meno problematica, preferiscono rimanere a casa.

Molteplici le destinazioni: Croazia, Francia e Austria restano le preferite, anche se non mancano i viaggi transoceanici.

Il Passaporto Europeo Pet, è il documento unico per la circolazione di cani, gatti e furetti in ambito Comunitario, e viene rilasciato su appuntamento presso i presidi di Igiene Urbana Veterinaria di Firenze, Pontassieve, Prato, Empoli, Pistoia e Massa e Cozzile.

Sul sito dell’Azienda sono presenti tutte le informazioni. 

L’animale per cui si presenta richiesta dovrà essere identificato con microchip ed iscritto alla Banca Dati Animali d’affezione della Regione Toscana, nonché esibire certificazione di avvenuta  vaccinazione antirabbica in corso di validità (uno o tre anni secondo il vaccino utilizzato). La data di vaccinazione regola anche la scadenza del Passaporto: se la vaccinazione è in periodo di validità, non è necessario alcun altro adempimento.

“Per l’ingresso di animali d’affezione in Paesi fuori dalla Comunità Europea è necessario seguire regole più complesse – precisa Loretti – alcuni paesi, come la Svizzera, si sono adeguati al Regolamento Comunitario, mentre per altri gli adempimenti richiedono una certificazione specifica ed alcuni requisiti diversi. E’ opportuno quindi che l’utente prenda le necessarie informazioni, consultando il sito del Ministero della Salute (https://www.salute.gov.it ) ovvero direttamente presso i Paesi di destinazione.”

Più complesso Il rientro in comunità europea da Paesi Extra Ce, anche di ambito continentale, come ad esempio l’Albania e la Serbia. Per questi paesi infatti è richiesta la titolazione degli anticorpi antirabbia previo esame ematico, da effettuarsi in laboratori autorizzati. Un adempimento quindi da effettuare e registrare sul Passaporto prima della partenza.

In questi casi il Passaporto Europeo Pet serve come documento unico per il rientro in CE. 

Sempre sul sito del Ministero della Salute sono presenti i consigli utili per il viaggio e il trasporto degli animali d’affezione che il dottor Loretti consiglia di consultare prima della partenza. 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.