“Rendeva ogni suo gesto un segno di pace e amore”: Fucecchio ricorda Dina, uccisa dalle Ss

Come ogni anno, una delegazione ha partecipato alla commemorazione di Greve in Chianti

A Panzalla, vicino San Polo in Chianti, il 2 agosto 1944 le Ss naziste uccisero il maresciallo dei vigili urbani di Firenze Pietro Stefanini e la sua compagna di Fucecchio Dina Boncristiani. La loro unica “colpa” fu quella di non piegarsi al terrore delle dittature e di scegliere di stare dalla parte della Resistenza, combattendo per la libertà, contro il fascismo e il nazismo.

Per ricordare il loro sacrificio, ogni 2 agosto il Comune di Greve in Chianti organizza, nel luogo dove furono uccisi, una commemorazione alla quale partecipa, ormai da alcuni anni, anche una delegazione fucecchiese (presenti anche l’Anpi e i comuni di Firenze, Figline e Incisa Valdarno, Bagno a Ripoli) che vuol sottolineare l’impegno per i valori della libertà e della democrazia della sua concittadina Dina Boncristiani. E’ successo anche ieri. Hanno partecipato la vicesindaca e tre giovani – Markeljana Lezemerja, Lida Fondelli e Gabriele Frassi – del gruppo #Fucecchioèlibera.

La loro partecipazione alla cerimonia si è concretizzata con la lettura di un testo. Eccolo:
Oggi siamo qui per ricordare la figura e la forza di Dina che in piena guerra non si è fatta scrupoli di aiutare il prossimo, donando quello che poteva. Ella ha contribuito, nel suo piccolo, a creare la resistenza verso quello che stava accadendo in quei anni. Noi di #FuececchioèLibera vogliamo ricordarla con una frase di Rosa Luxemburg che ci riporta a lei come a tanti altri che hanno sentito il bisogno di ribellarsi e di andare incontro a qualcosa di più grande di loro. “Quelli che non si muovono non si accorgono delle loro catene.

E dobbiamo dire che Dina si è accorta di quelle catene, spezzandole. Le ha spezzate rincorrendo il bisogno di liberare e supportare gli altri: sottraeva armi, procacciava medicinali e coperte, passava informazioni. Tutto questo per ritrovare l’aria di libertà e pace, cercava solo la serenità nel mondo. Oggi Dina è da prendere come esempio per il suo valore e coraggio. Seppur non combatteva in prima linea a suon di fucili, rendeva ogni suo gesto un segno di pace e amore, cosa che noi tutti dobbiamo fare. Grazie di essere stata una mano a cui aggrapparsi.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.