“Locali del centro dovranno pagare l’occupazione di spazi pubblici”. Confcommercio: “Rotto il patto tra Amministrazione e commercianti” foto

“Nell'estate della ripartenza, ci aspettavamo senz'altro una risposta diversa"

“Attività e locali del centro di San Miniato dovranno pagare per l’occupazione di spazi e aree pubbliche in occasione delle chiusure estive del centro storico: una decisione che rompe quel patto tra amministrazione e commercianti che fino ad ora ha consentito di creare un’atmosfera senza uguali, anche grazie alle iniziative e all’eccellente sistema di accoglienza organizzato da negozi e pubblici esercizi”.

Così il presidente di Confcommercio San Miniato Giovanni Mori racconta “Una decisione che abbiamo appreso solo dopo le segnalazioni dei commercianti, scrivendo poi immediatamente al Comune e chiedendo di annullare la Tosap per gli spazi occupati dalle attività in occasione delle chiusure estive del centro. Ma il sindaco Simone Giglioli e l’assessore al commercio Elisa Montanelli non hanno accolto la nostra richiesta. Era una misura di assoluto buonsenso, anche considerato che la pedonalizzazione serve proprio per permettere ad attività e pubblici esercizi di avere più suolo pubblico a disposizione e allestire i propri spazi nel migliore dei modi per creare un contesto vivace e dinamico e accogliere i tanti clienti e turisti in visita a San Miniato in questo periodo”.

“Ci sembra singolare” aggiunge il responsabile territoriale di Confcommercio Luca Favilli “che questo provvedimento arrivi proprio nell’anno in cui l’Ammministriazione decide di non sostenere il progetto di iniziative estive a corredo delle chiusure infrasettimanali, privando di fatto i commercianti del centro di un calendario estivo a cui ognuno contribuiva economicamente e che spingeva a San Miniato molte persone per godere di un’atmosfera senza eguali nel nostro territorio. Se il Comune ha la volontà, abbiamo ancora tempo per rimediare”.

Perché “Nell’estate della ripartenza, ci aspettavamo senz’altro una risposta diversa. Il Comune ha sempre dimostrato sensibilità e attenzione sul tema e auspichiamo in una soluzione che permetta di salvaguardare quella funzione essenziale che le attività svolgono per il mantenimento degli alti standard in fatto di accoglienza, offerta commerciale e turistica che San Miniato può vantare”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.