Strutture più in alto o galleggiabili per il nuovo bacino di Roffia. Bando entro l’estate

Durerà 9 anni la concessione per gestire e ampliare quella che diventa la nuova cassa d’espansione dei Piaggioni

Andrà a gara nei prossimi mesi la concessione pluriennale di una porzione del bacino di Roffia, quella da sempre deputata agli sport acquatici, storica “casa” dei Canottieri e dalla Canoa San Miniato, che negli ultimi decenni hanno realizzato lungo le sponde del lago i pontili, gli spogliatoi, il rimessaggio per le imbarcazioni e altre strutture a servizio delle attività sportive.

Strutture che adesso devono diventare compatibili con la nuova funzione del bacino come Cassa d’espansione dei Piaggioni, mettendo in conto che il lago d’ora potrà essere invaso dalle acque dell’Arno, ogni volta che si renderà necessario azionare le paratie per ridurre la portata di piena del fiume. Nasce da qui l’idea di una concessione lunga 9 anni, alla ricerca di una società sportiva o di un’associazione che sia disposta a investire per il miglioramento delle strutture.

“Nell’ultimo anno – spiega il sindaco di San Miniato Simone Giglioli – l’area è stata gestita dalla Canottieri San Miniato con una concessione provvisoria scaduta il 29 giugno. Adesso, insieme alla Regione Toscana, apriremo un avviso pubblico per una concessione di 9 anni, il cui obiettivo primario sarà il miglioramento e la messa in sicurezza delle strutture, da ricostruire a una quota più alta oppure da rendere galleggiabili. Chi si farà avanti dovrà prevedere investimenti in questo senso”. Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale ha inviato agli uffici regionali una bozza dell’avviso, che adesso dovrà essere completata e approvata.

“Alla fine sarà la Regione ad aprire il bando – spiega il primo cittadino – perché con la trasformazione in cassa di espansione il bacino è di competenza regionale”. Al momento non ci sono dunque né importi né tempi, anche se l’obiettivo sembra quello di voler pubblicare il bando entro la fine dell’estate. Nella bozza redatta dall’amministrazione di San Miniato si stabilisce di concedere l’area per “manifestazioni sportive, eventi culturali, scopi turistici ricreativi e uso commerciale”, prevendo come modalità di aggiudicazione l’offerta economicamente più vantaggiosa sulla base però di alcuni criteri. Fra le condizioni poste dal Comune, c’è anche l’obbligo per i futuri gestori di concedere l’area gratuitamente all’amministrazione per almeno tre giorni l’anno, in occasione di eventi o iniziative organizzate direttamente dall’ente.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.