Codice rosa, dalla Regione 75mila euro per l’anno 2022-2023

Approvate le linee programmatiche: c'è anche un nuovo percorso sperimentale rivolto all’accoglienza di persone vittime di violenza con bisogni speciali

La giunta regionale dà il via libera al programma delle attività della Rete regionale codice rosa per l’anno 2022-2023, finalizzato al rafforzamento e allo sviluppo di azioni coordinate, efficaci e omogenee sull’intero territorio toscano, in modo da continuare a garantire risposte immediate alle esigenze di cura di tutte le vittime di violenza e abusi.

Il programma, approvato in seguito a proposta di delibera dell’assessore al diritto alla salute e sanità della Regione Toscana Simone Bezzini, introduce una novità, un nuovo percorso sperimentale, rivolto all’accoglienza di persone vittime di violenza con bisogni speciali e che prevede l’attivazione di un numero dedicato all’informazione e all’orientamento ai servizi per le vittime dei crimini di odio, con relativa campagna di lancio, realizzazione di materiale informativo e aggiornamento degli strumenti operativi.

Il programma garantisce, inoltre, la continuità di percorsi specifici come quello di accoglienza entro le 72 ore dall’evento in emergenza avviato nelle Aziende sanitarie nell’ambito della Rete regionale Codice rosa. Anche per il 2022-2023 sono previsti eventi formativi multidisciplinari. Per la realizzazione di queste attività sono state stanziate 75mila euro.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.