“Semplificare le procedure e incrementare il fondo per le vittime delle stragi nazifasciste”

La proposta è stata rilanciata anche da Vinca

La necessità di rivedere le norme che disciplinano il risarcimento ai superstiti e ai parenti delle vittime delle stragi nazifasciste in Italia è emersa con vigore anche a Fucecchio, in particolar modo in occasione della commemorazione dell’Eccidio del Padule.

Anche il sindaco di Fucecchio, che ha incontrato le associazioni delle vittime più volte, le ultime in ordine di tempo durante le cerimonie a Sant’Anna di Stazzema e oggi a Vinca (Fivizzano), ha ricordato come da parte dei rappresentanti dei parenti delle vittime e dei superstiti sia molto sentita la necessità di snellire la burocrazia che è alla base di una norma che rende particolarmente tortuoso il percorso per ottenere il risarcimento. Il secondo aspetto su cui è necessario che vengano poste le attenzioni da parte dello Stato è quello relativo al Fondo risarcimenti che è stato istituito (55 milioni di euro in 4 anni) e che risulta gravemente insufficiente (si parla secondo alcune stime di circa 2 mila euro per ogni avente diritto).

A evidenziare queste problematiche era stata recentemente anche l’Associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema (anche oggi a Vinca il tema è emerso nuovamente a margine della commemorazione alla quale Fucecchio era presente) che aveva parlato apertamente della necessità da parte del prossimo esecutivo di mettere mano a questa disposizione e provvedere a “sistemare” tutte le incongruenze che sono state create che le ultime norme.

Il confronto con le associazioni dei parenti delle vittime, anche a Fucecchio, ha evidenziato la necessità di mettere mano per semplificare le procedure e incrementare il fondo destinato ai risarcimenti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.