Coronavirus, quattro casi sospetti a Cisanello, le analisi in serata smentiscono

A San Miniato il vescovo invita ad usare alcune accortezze igieniche durante le funzioni religiose

Allarme oggi 22 febbraio a Pisa all’ospedale di Cisanello, dove quattro casi di sospetto di Coronavirus hanno fatto stare l’intera Toscana con il fiato sospeso per tutto il giorno. Alla fine in serata le analisi di laboratorio hanno smentito ogni sospetto: le quattro persone sono risultate tutte negative al Coronavirus. Si tratta di una donna che opera nel settore sanitario come assistente alla persona e di suo marito oltre che di altre due persone.

Intanto anche la diocesi di San Miniato attua le prime misure di prevenzione durante le funzioni religiose. Oggi il vescovo Andrea Migliavacca ha inviato parroci e parrochiani a seguire alcuni accorgimenti igenici per limitare potenziali contagi durante la funzioni religiose, da domani domenica 23 infatti Migliavacca ha invitato fedeli e celebrante a non somministrare l‘eucarestia in bocca, ma a porgerla e riceverla in mano. Sempre durante la messa il Vescovo ha inviato ad evitare la stretta di mano dello scambio di Pace.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.