Quantcast

Le rubriche di Cuoio in diretta - in Regione

La Regione: “Nessuna decisione su chiusura scuole, parola al comitato che si insedia domani”

Intanto lo screening gratuito 'Territori sicuri' fa tappa a Bientina: aperte le iscrizioni

Nessuna nuova decisione è stata presa in relazione a provvedimenti di chiusura delle scuole toscane. Lo dice la Regione Toscana in relazione ad alcuni annunci di stop alla didattica su base comunale.

In ogni caso ogni decisione, come già annunciato dal presidente della Regione Eugenio Giani, sarà presa solo dopo l’esame dei dati e le relativi valutazioni in sede di Ceps, il Comitato per l’emergenza e la prevenzione scolastica che si insedierà domani pomeriggio (5 marzo).

Il decreto, all’articolo 21, comma 2, prevede che la misura possa essere adottata dai presidenti delle Regioni “in tutte le aree, regionali o provinciali, nelle quali l’incidenza cumulativa settimanale dei contagi sia superiore a 250 casi o 100mila abitanti oppure in caso di motivata ed eccezionale situazione di peggioramento del quadro epidemiologico”.

Intanto, Territori sicuri fa tappa a Bientina, dove i residenti potranno sottoporsi gratuitamente al tampone per il Coronavirus da martedì 9 a giovedì 11 marzo. Chi vorrà usufruire di questa opportunità può già prenotarsi per lo screening a partire da oggi, giovedì 4 marzo, sul portale della Regione all’indirizzo https://territorisicuri.sanita.toscana.it/#/home. Il portale consente di programmare orario e numero di persone da sottoporre ai tamponi gratuiti, evitando così eventuali assembramenti. I tamponi verranno fatti nel parcheggio della palestra comunale in via Caduti di Piavola, a Bientina.

“Territori sicuri” è promosso dall’assessorato alla sanità di Regione Toscana con Anci, Upi, Misericordie, Pubbliche assistenze toscane e Croce rossa italiana, insieme agli operatori sanitari, la medicina generale e la pediatria di famiglia, oltre ad Ars Toscana (l’Agenzia regionale di sanità), alle Asl e alle Società della Salute. Indispensabile e prezioso è il sostegno fornito dalle associazioni di volontariato, accanto a quello di medici, pediatri e infermieri, che si sono resi disponibili per l’esecuzione dei test e i relativi adempimenti.

La strategia del progetto è quella dell’allerta precoce, per bloccare i contagi prima della loro diffusione. I territori a maggior rischio di positività al Sars Cov-2, sono indicati da Ars che elabora e monitora l’indice di contagio di ciascun Comune toscano.

Nel ringraziare tutti i soggetti che sono a fianco della Regione Toscana per la riuscita di questo programma (Misericordie, Pubbliche assistenze toscane, Croce rossa italiana, amministrazioni comunali a partire dai primi cittadini, Anci, Asl, Upi, operatori sanitari, medici, pediatri, infermieri e gli stessi cittadini per la loro collaborazione), il presidente Eugenio Giani e l’assessore alla sanità Simone Bezzini, intendono sottolineare il valore aggiunto di una campagna che si basa sulla capacità di lavorare insieme con fiducia e senso di responsabilità, per contrastare il più possibile la diffusione del virus e delle sue varianti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.