Gelli:”Chiarezza sui rischi di contagio meningite”

I casi di meningite che si sono verificati negli ultimi mesi in Toscana hanno stanno preoccupando molti cittadini (2800 telefonate alla Asl in quattro ore). Anche il deputato e responsabile sanità Pd Federico Gelli chiede chiarezza con un’iterrogazione al ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

“Il ministero della Salute intervenga per capire se ci sono i rischi di diffusione – afferma Gelli – e se c’è una motivazione che possa giustificare questa escalation di casi registrati rispetto agli anni passati. La scelta di Asl e Regione Toscana di deliberare il richiamo gratuito dei ragazzi nella fascia dagli 11 ai 18 anni per il meningococco di tipo C e di alcune Asl come la numero 11 di Empoli di disporre la gratuità del vaccino per gli adulti fino a 45 anni di età rappresenta una misura unica in Italia che desta qualche preoccupazione nella cittadinanza. Il Ministero avvii un’indagine a supporto della Regione per ridurre il rischio di meningite da meningococco di tipo C attraverso un’adeguata e capillare azione di profilassi”.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.