Acquistava anabolizzanti rubati all’ospedale

Acquisto di farmaci ad azione dopante e ricettazione. Di questo dovrà rispondere un 50enne di San Miniato, anche lui coinvolto nell’indagine che ha portato all’arresto di 5 persone responsabili di sottrarre farmaci ad azione anabolizzante dal reparto dell’ospedale civile di Livorno dove lavorano, per rivenderli illecitamente a ciclisti professionisti e non.

I carabinieri dei Nas con i colleghi dell’Arma territoriale nella mattina di oggi 22 luglio hanno eseguito una decina di ordinanze di custodia cautelare, compresi 5 arresti nei confronti di un’infermiera, un operatore socio sanitario, un ex ciclista professionista, un operaio e un faccendiere per reati di peculato, ricettazione, commercio di sostanze ad azione dopante e cessione di sostanze stupefacenti. A San Miniato, al domicilio del 50enne, i militari hanno eseguito una delle 30 perquisizioni eseguite tra Toscana, Emilia Romagna e Veneto. Il 50enne samminiatese ha l’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria e, secondo quanto ricostruito dalle indagini, l’appassionato di ciclismo acquistava anche per conto di altri, i farmaci.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.