Spaccata con l’esplosivo in banca a S.Miniato Basso – Foto foto

Erano le 3,30 circa della notte scorsa, quella tra il 26 e il 27 maggio. San Miniato Basso stava dormendo, quando un boato l’ha svegliata. Il colpo è stato tentato alla filiale Unicredit in piazza della Pace. La deflagrazione, quasi sicuramente scatenata innescando polvere pirica, si è sentita fino alla stazione, complice il silenzio della notte fonda.

La forte esplosione ha coinvolto i vetri delle strutture vicine e ha fatto saltare persino gli arredi delle stanze al piano superiore, crepando un bancone. Testimoni raccontano di aver visto una gran fumata bianca subito dopo aver sentito il forte boato e anche un’auto che si allontanava. I dettagli sono ora al vaglio degli inquirenti che dovranno ricostruire la dinamica esatta. 
Il dato certo, al momento, è che la deflagrazione ha avuto più riscontro all’interno che all’esterno dell’edificio. 
L’ipotesi, quindi, che al momento è solo una ricostruzione basata sui primi dati, è che gli uomini, almeno tre, sono arrivati in auto nel piazzale, hanno infilato polvere pirica dalla fessura dalla quale escono le banconote e hanno fatto saltare il bancomat. Le banconote, però, sarebbero rimaste all’interno, motivo per cui avrebbero tentato, in un secondo momento di sfondare il vetro anche se i segni sono poco compatibili con questa ipotesi. Difficile, però, stabilire la potenza e l’orientamento di una deflagrazione prima di aver stabilito con certezza cosa l’ha provocata e in che quantità. Fatto è che, secondo una prima verifica ancora in attesa di conferma, i bandini non sarebbero riusciti a portare via i soldi perché la cassaforte collegata al bancomat è rimasta all’interno dell’istituto di credito.
Tanto spavento tra i residenti della frazione che raccontano l’esperienza della notte appena trascorsa. “Io vivo verso la stazione ferroviaria – dice un 76 del posto – quindi relativamente lontano da piazza della Pace. Alle 3,20 circa, minuto più minuto meno, mi ero alzato dal letto per andare in bagno quando ho sentito un boato fortissimo che mi ha fatto sussultare, ha sveglaito anche mia moglie che dormiva”.
Ma sono molte le persone che sono state allarmate dall’esplosione. “Ero ancora sveglio – racconta un cittadino – e quando ho sentito il botto e poi i rumori metallici delle lamiere che ricadevano sull’asfalto mi sono affacciato e ho visto un gran fumo bianco su tutta piazza della Pace e poi un’automobile che si allontanava. Da lì ho capito che era accaduto qualcosa alla banca”. (GM – GP)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.