Cinque ettari distrutti, bonifica in corso al parco Robinson

Sono in corso da questa mattina (23 luglio) le operazioni di bonifica nell’area interessata dall’incendio di ieri pomeriggio al Parco Robinson (leggi qui). Un lavoro certosino, tutt’attorno all’area del rogo, per controllare e spegnere quei piccoli focolai che potrebbero innescare di nuovo le fiamme.

“Una fase delicata e fondamentale”, la definisce il sindaco di Castelfranco Gabriele Toti, al termine del sopralluogo condotto questa mattina con i carabinieri forestali. Sopralluogo effettuato nel pomeriggio anche dal sindaco di Santa Croce Giulia Deidda. Quasi 5 gli ettari di bosco distrutti dalle fiamme, in un’area compresa tra via delle Pinete e la Villa di Poggio Adorno, minacciata ieri dal vento che ha rapidamente spinto il rogo in direzione est. Complicate le operazioni d’intervento, con un dispiegamento di uomini e mezzi che ha coinvolto quattro squadre dei Vigili del Fuoco, due elicotteri della Regione, la Pubblica assistenza di Santa Croce sull’Arno e dell’Unione montana della Val di Cecina, i volontari della Racchetta di Cascina e delle Cerbaie, la Vab, la Misericordia di Santa Croce, la Pubblica Assistenza Santa Maria a Monte e Signa, insieme ai carabinieri, ai colleghi dell’ex corpo forestale e alle polizie municipali di Castelfranco e Santa Croce (su cui ricade la competenza di via delle Pinete) e di tutti i gruppi di Protezione civile dello stesso comune. Insieme al sindaco Toti, presente sul posto, anche l’assessore alla Protezione civile di Santa Croce, Piero Conservi, ha coordinato gli interventi in costante contatto telefonico.
Alla fine, intorno alle 21, le squadre di soccorso sono riuscite con una ruspa a circoscrivere l’incendio circondandolo con due linee frangifuoco, mentre via delle Pinete è stata riaperta al transito pochi minuti dopo le 20. “La preoccupazione era duplice – ricorda Toti -: da un lato c’era il timore che le fiamme attraversassero vie delle Pinete entrando nella riserva di Montefalcone e dall’altro che si propagassero verso est fino a raggiungere la Villa”.
All’indomani del rogo, tuttavia, la sensazione è che all’origine possa esserci ancora la mano dell’uomo. “I telegiornali riportano notizia di incendi ovunque – dice Toti – ma non può certo valere il detto ‘mal comune mezzo gaudio’. Purtroppo questi fenomeni si generano quasi sempre per mano volontaria dell’uomo. Il danno che ne deriva è assolutamente pesante, sia sotto l’aspetto ambientale sia per quello economico. Ho ancora ben chiare le immagini di ieri che mi richiamavano quello ben più pesante del 2009. Di incendi purtroppo ne ho visti tanti: con il territorio vasto che abbiamo nel comune di Castelfranco ci dobbiamo confrontare con questa piaga che si ripete puntuale ad ogni estate. Voglio comunque sottolineare – conclude – il lavoro prezioso che è stato compiuto dell’insieme costituito da vigili del fuoco, volontari delle associazioni antincendio e forze dell’ordine. Un grazie a tutti quanti hanno operato (e operano) in seguito all’incendio e all’Avis di Staffoli per il supporto logistico”.
“La situazione è sotto controllo – aggiunge la collega Giulia Deidda – e le squadre di protezione civile sono ben organizzate per un monitoraggio costante. A loro va ancora il mio grazie per il lavoro prezioso che ormai da 24 ore ininterrottamente stanno facendo per salvare e preservare una delle più belle aree del nostro territorio. Alle 19 arriverà la cena preparata dall’Avis di Staffoli e le operazioni andranno avanti sicuramente fino a domani. Questo è il mondo del volontariato, speciale e unico, e soprattutto a servizio della comunità e del territorio. Dobbiamo esserne orgogliosi”. (g.p.)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.