Traffico di armi in Somalia, preso l’ultimo della banda

Più informazioni su

Era l’ultimo uomo che mancava alla conta della polizia dopo che aveva smantellato un organizzazione criminale di somali in parte residenti a San Romano che si occupava di esportare mezzi militari dismessi in Somalia (Traffico di mezzi militari in Somalia, 3 arresti nel Cuoio). La maggior parte dei membri della banda era finita nelle maglie della giustizia tra lunedì e martedì, mentre l’ultimo componente che si era rifugiato nel napoletano ed è stato trovato ieri sera 4 ottobre dalla stazione fiorentina di Santa Maria Novella mentre cercava di rientrare in Toscana.

A trarre in arresto il quarto somalo dell’organizzazione sono stati gli uomini della polizia stradale e della polizia ferroviaria. L’ultimo somalo era riuscito a sfuggire alla cattura poiché non trovato nella sua abitazione dai poliziotti che, comunque, si erano messi sulle sue tracce, monitorandone gli spostamenti a distanza. Infatti, da una soffiata si è appreso che lui era nel napoletano e, a quel punto, il cerchio attorno a lui si è stretto alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, presidiata ininterrottamente dagli uomini della Stradale e della Ferroviaria. Sono stati passati al setaccio tutti i treni in arrivo e a tarda sera, dall’ultimo proveniente da Napoli, è sceso il somalo, che si era confuso tra gli altri passeggeri, sicuro di farla franca. Ma i poliziotti avevano impresso nei loro occhi il viso dello straniero, che non ha avuto scampo. Ora tutta la documentazione sequestrata nel corso dell’operazione è al vaglio degli investigatori della Polstrada e della Questura di Firenze che, insieme a quelli della sezione di polizia giudiziaria della Procura, potranno acquisire ulteriori elementi contro la banda.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.