Polfer, in un anno 763 fra arresti e denunce

Pioggia di controlli della Polfer nel 2018 e un bilancio che parla di 763 persone arrestato o denunciate nell’arco dell’anno.
Nel corso del 2018 il compartimento Polfer Toscana ha svolto la propria attività di controllo all’interno delle stazioni e sui treni per garantire la sicurezza dei viaggiatori, attraverso la prevenzione e la repressione di fenomeni delittuosi e di degrado in ambito ferroviario. Durante l’arco dell’anno sono state impiegate oltre 13115 pattuglie in stazione e più di 1671 a bordo treno. Sono stati scortati complessivamente 2887 convogli ferroviari. Sono stati inoltre predisposti 1062 servizi antiborseggio in abiti civili, sia negli scali che sui convogli.

Grazie a tale dispositivo la specialità ha arrestato e denunciato rispettivamente 89 e 674 persone, procedendo complessivamente a 132813 (+5,50 per cento) persone soggette a controllo di polizia (identificati) nel territorio regionale. Sono continuati i servizi di vigilanza e scorta anche sui treni di viaggiatori a lunga percorrenza, nonché in regione, in particolare nelle tratte che dal capoluogo raggiungono le località costiere, per prevenire reati furti e abusivismo commerciale. Durante i servizi sono stati individuati 69 stranieri in posizione irregolare.
L’attività di contrasto ai furti di rame, che in ambito ferroviario spesso causano ritardi alla circolazione dei treni e consistenti disagi per i viaggiatori, si è tradotta in 909 servizi di pattugliamento delle linee ferroviarie ed in 1961 servizi di controllo su strada a veicoli sospetti. Nel corso del 2018 il personale della specialità ha poi rintracciato 60 persone scomparse, di cui 18 minori. In calo gli incidenti ferroviari con conseguente diminuzione della mortalità: soltanto 6 casi nel 2018 rispetto ai 14 del 2017.
Continua ad essere alto l’impegno in Toscana all’interno delle scuole, per sensibilizzare i giovani studenti a tenere comportamenti corretti in ambito ferroviario e comunque improntati alla legalità. Tramite il progetto Train to be cool, poliziotti appositamente formati sotto il profilo della comunicazione hanno incontrato circa 1500 ragazzi di oltre 50 istituti scolastici.
I poliziotti della Polfer hanno inoltre partecipato a numerosi eventi nel territorio regionale, come a Sesto Fiorentino nell’ambito della 13esima giornata della protezione civile e a Prato, nella piazza delle Carceri, dove 1500 bambini hanno preso parte al primo momento del tour nazionale organizzato in collaborazione dalla polizia ferroviaria, Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e la Federazione Italiana Pallavolo (Fipav), in cui i giovanissimi pallavolisti toscani hanno trascorso una giornata interamente dedicata alla legalità, alla sicurezza ferroviaria e al sano divertimento sportivo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.