Un’anima degli Spensierati, da oggi più soli senza Sandra foto

A portarla via è stata una breve malattia, a 57 anni

Sul volto aveva il sorriso e la leggerezza delle persone buone, unito alla disponibilità di chi non si tira mai indietro quando si tratta di dare una mano. Specie se c’era da andare alla stanza, quella degli Spensierati, il gruppo carnevalesco che da sempre era un po’ la sua seconda famiglia, se non addirittura un tutt’uno con la prima.

Sarà ricordata soprattutto così Sandra Puccini, santacrocese, costretta ad arrendersi ieri sera (17 dicembre), all’età di 57 anni, ad una grave malattia scoperta solo poche settimane prima. Ricoverata in ospedale nei giorni scorsi, Sandra si trovava a casa, nella propria abitazione di via Copernico a Santa Croce sull’Arno, quando è stata colta da un peggioramento improvviso che non le ha lasciato scampo.

Immediato il pellegrinaggio di amici e conoscenti nell’abitazione di famiglia. In testa il gruppo degli Spensierati con il presidente Stefano Zingoni, arrivati per stringersi attorno al dolore del marito Roberto Marmeggi e dei figli Alessia e Andrea, di 29 e 25 anni.

Casalinga, nata e vissuta da sempre a Santa Croce, Sandra Puccini apparteneva ad una delle famiglie storiche della cittadina del Cuoio, anche se il suo nome era legato prima di tutto al Carnevale. Attiva fin da piccola all’interno della manifestazione, era una delle figure insostituibili degli Spensierati, con i quali contribuiva ogni anno a progettare, cucire e preparare le varie mascherate, oltre ad essere sempre in prima linea in tutte le cene, feste e iniziative organizzate dal gruppo. Il funerale è stato fissato per domani, alle 14,30, con ritrovo al cimitero comunale di Santa Croce.

Con lei se ne va sicuramente un’altra delle figura di riferimento del Carnevale santacrocese, a distanza di appena dieci giorni dalla scomparsa di Deanna Dell’Unto, ex presidente del gruppo della Nuova Luna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.