Controlli antidroga alle Cerbaie, smantellate postazioni dei pusher fotogallery

"Allontanare gli spacciatori"l'obiettivo di Spinelli che ha richiesto il blitz

Materassi, sedie, fornelli, stoviglie, batterie, residui di generi alimentari tra il materiale recuperato in tre specifici presidi trovati tra i boschi delle Cerbaie. In un’operazione antidroga svolta nella mattina di oggi 17 gennaio lungo le strade e nei boschi delle colline che circondano Fucecchio.

Le tre postazioni smantellate dagli agenti della polizia municipale dell’Unione dei Comuni Empolese Valdelsa coordinati dal nuovo comandante Massimo Luschi, in collaborazione con il personale dell’azienda Alia (raccolta dei rifiuti) sarebbero state utilizzate dai pusher che spacciano “protetti” dal fitto bosco nei pressi di via di Rimedio, via Montebono e via Pesciatina, tra le frazioni di Vedute, Torre e Pinete.

L’attività, richiesta fortemente dal sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli presente al sopralluogo, è anche il frutto del lavoro della commissione consiliare per la sicurezza, recentemente istituita, che vede la partecipazione di tutte le forze politiche e che può contare anche sulla consulenza esterna di un esperto della materia come Renzo Ciofi.

“L’obiettivo di questo lavoro – spiega il sindaco – è quello di allontanare gli spacciatori dai nostri boschi. Per farlo occorre portargli via l’attrezzatura che utilizzano nei loro bivacchi all’interno dei boschi e proseguiremo per più giorni alla settimana. Questa attività sarà affiancata da pattugliamenti e controlli sulle strade per scoraggiare anche gli acquirenti. Porteremo i risultati di queste operazioni anche al Prefetto di Firenze per discutere dell’attività di prevenzione durante le sedute del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica”.

Un’altra azione che l’amministrazione comunale intende portare avanti sul percorso della lotta allo spaccio è quella di coinvolgere i cittadini proprietari dei terreni boschivi. “Gli interventi per tenere pulito il sottobosco – aggiunge Spinelli – rappresentano un ulteriore disincentivo alla presenza degli spacciatori. Abbiamo potuto appurare che laddove i terreni vengono ripuliti regolarmente i pusher non sono più presenti. Per questo motivo abbiamo già incontrato e incontreremo ancora i proprietari dei terreni ai quali chiediamo una collaborazione attiva, anche con il Consorzio Forestale delle Cerbaie che da pochi giorni ha un nuovo presidente, il nostro assessore all’ambiente Valentina Russoniello”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.