Addio a Giacomo Marsigli, una vita per la pittura nella tradizione dei maestri del ‘900

Se ne è andato a 96 anni, ha dipinto i suoi quadri fino agli ultimi giorni

Lutto a Santa Croce sull’Arno nel mondo dell’arte. Alle prime ore di oggi, 18 gennaio se ne è andato Giacomo Marsigli all’età di 96 anni. Persona conosciutissima nella cittadina conciaria, soprattutto per la sua attività di pittore, che anche se nel corso della vita la aveva affiancata ad altri lavori, è sempre rimasta la sua grande passione.

La sua indagine pittorica, pur rimanendo nella tradizione formale novecentesca, ha indagato vari generi: dalla natura morta al ritratto. Marsigli ha dipinto fino agli ultimi giorni della sua vita. Oggi oltre al compianto dei cari, di lui rimangono molte opere pittoriche che ha donato a varie strutture pubbliche e private.

Marsigli infatti non ha mai voluto fare lucro della sua arte, ma ne ha sempre fatto un dono da condividere con il pubblico. Forse anche per questo il suo ricordo rimarrà nella memoria di tutti.
Nato a Pisa nel ’24, nella sua vita oltre all’attività pittorica ha svolto anche altri lavori, negli anni ’50 come disegnatore della Piaggio di Pontedera, poi dagli anni ’60 si era dedicato al commercio di prodotti per il settore conciario.

Lascia i figli Gianmarco e Marta oltre ai nipoti. Il funerale sarà celebrato domani domenica 19 gennaio nella chiesa di sant’Andrea a Santa Croce alle 15.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.