Materiale scuro sul fiume Elsa, verifiche di Arpat

Secondo i tecnici la sostanza non è pericolosa ma solo sedimento di scavo

“Non sono rifiuti ma sedimenti non pericolosi scavati dal Consorzio di Bonifica dal fosso di Sant’Andrea, sottoposti ad analisi e trasferiti sui terreni circostanti e sull’argine del fiume Elsa“. E’ questo l’esito delle indagini si Arpat su materiale scuro rinvenuto sul fiume Elsa, a Sant’Andrea di Empoli.

Dopo alcune segnalazioni di materiali di colore scuro nell’alveo e sull’argine del fiume Elsa, i tecnici del dipartimento Arpat del circondario Empolese hanno eseguito un sopralluogo nell’area in questione.

Dai controlli “non sono emerse irregolarità in quanto si tratta di sedimenti non pericolosi tolti dal fosso Sant’Andrea e collocati sui terreni circostanti e sull’argine interno sinistro del fiume Elsa dove sono evidenti fenomeni di erosione”. I tecnici del Consorzio di Bonifica del Medio Valdarno hanno rimosso i sedimenti dal fosso Sant’Andrea poiché la quantità accumulata dalle copiose piogge del mese di dicembre impediva lo scorrimento dell’acqua.

Le analisi presentate ad Arpat, eseguite dal laboratorio incaricato dal Consorzio di Bonifica, hanno evidenziato che il sedimento raccolto non conteneva sostanze pericolose. Visto il risultato delle analisi attestanti la non pericolosità del sedimento, il Consorzio poteva eseguire le operazioni di scavo e di spostamento di tale materiale all’interno della pertinenza idraulica del fiume Elsa, senza obbligo di comunicazione agli enti, anche se un’informazione preventiva avrebbe permesso di rispondere più tempestivamente alle preoccupazioni dei cittadini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.