Coronavirus, una seconda persona in quarantena a Pisa. A Firenze lo studente positivo è entrato in contatto con 25 persone nell’ateneo

In Italia frenano i casi di contaggio diagnosticati con tampone

E’ pervenuta nel tardo pomeriggio di oggi al rettore dell’università di Firenze la comunicazione della Ausl Toscana Centro relativa al contagio da coronavirus di uno studente norvegese, 26 anni, dell’Ateneo. Nell’indagine epidemiologica effettuata dalla Asl è risultato che lo studente ha frequentato, lunedì 24 e martedì 25 febbraio, due lezioni del primo anno del corso di laurea magistrale International Course in Architectural design – Icad”, presso la sede di via della Mattonaia, a Firenze. La Asl ha comunicato che “Le attuali direttive ministeriali prevedono l’obbligo di isolamento della prima linea di contagio da Coronavirus, in quanto le persone venute in contatto sono considerate potenzialmente infette a seguito di esposizione prolungata e
stretta”.

Il rettore ha provveduto a fornire alla Asl i recapiti dei due professori e l’elenco dei 54 iscritti al corso di laurea nonché, fra questi, dei 25 che lunedì mattina hanno confermato online l’iscrizione alla lezione.

La Asl ha spiegato che non sono oggetto di indagine epidemiologica altre persone che transitavano o stazionavano all’interno dell’edificio o altre venute successivamente in contatto con le persone presenti alle lezioni. Il rettore ha chiesto di essere tempestivamente informato delle misure che la Asl intenderà assumere. Il rettore ha immediatamente informato dell’accaduto il ministro dell’università, il ministro della Salute, il presidente della regione Toscana, l’assessore regionale alla sanità, il prefetto e il sindaco di Firenze. In considerazione del fatto che si tratta del primo caso registrato in un Ateneo, che coinvolge membri della comunità accademica, il rettore ha richiesto al ministro dell’Università, al ministro della Salute e alle autorità sanitarie regionali, una specifica presa di posizione su eventuali misure restrittive da adottare.

Intanto nel pomeriggio a Pisa il sindaco Michele Conti ha firmato una secondo ordinanza di isolamento  con vigilanza attiva il soggetto avrebbe avuto contatti stretti con un caso confermato di Coronavirus. L’ordinanza emessa su proposta dell’Igiene Pubblica del dipartimento di prevenzione dell’Azienda Usl Toscana Nord Ovest obbliga il soggetto a sottoporsi alla misura della quarantena presso la propria residenza fino al prossimo 5 marzo, con sorveglianza attiva svolta dal personale sanitario della Usl Toscana Nord Ovest. Viene raccomandata, inoltre, la misura dell’isolamento fiduciario per la stessa durata anche per i soggetti conviventi.
Si tratta della seconda ordinanza firmata dal sindaco Conti dopo quella di ieri martedì 25 febbraio

In Italia

Il commissario all’emergenza Coronavirus, Angelo Borrilli nel pomeriggio ha detto ha detto: “Sono 400 le persone contagiate, un incremento di 26 persone. In Lombardia sono 258 contagiati, 71 in Veneto, 47 in Emilia Romagna. Sono 11 i casi di contagio in Liguria, 3 in Piemonte, 3 Lazio e 3 Sicilia, 2 in Toscana (più 2 sospetti ndr), 1 a Bolzano, 1 nelle Marche. C’è anche una buona notizia, i due coniugi cinesi che sono ricoverati allo Spallanzani sono guariti, quindi i guariti salgono a 3″, ha aggiunto. “Da quello che so io – ha aggiunto – i casi in Liguria sono tutti concentrati e fanno parte di una comitiva. Non credo che sia assolutamente un nuovo focolaio”.
Borrelli ha inoltre spiegato che sulla base dei risultati dei tamponi fatti “Meno del 4% ha dato esito positivo, la metà dei positivi non ha bisogno di cure ospedaliere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.