La novità dalla Regione: tampone anche per chi viene ricoverato in ospedale

L'analisi non viene fatta su richiesta al pronto soccorso: chi ci arriva viene mandato indietro

Tampone obbligatorio solo per coloro che vengono ricoverati in ospedale. Questo il senso delle nuove disposizioni firmate dal presidente della Regione, Enrico Rossi.

Il significato della nuova disposizione, ha spiegato il governatore, è quello di non mettere potenzialmente a contatto con un infetto il personale e i degenti dei reparti diversi da quello di malattie infettive e di rianimazione.

Nessun tampone viene fatto a chi si presenta in pronto soccorso o all’ospedale per farlo. Chi si presenta per questo motivo al pre-triage viene rimandato immediatamente indietro.

Per il resto, infatti, il tampone è previsto per chi ha avuto contatto stretto con casi confermati di positivi al coronavirus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.