Coronavirus, sindaco chiede tolleranza zero nei controlli

Sul territorio sono 6 i casi positivi e 15 le persone in quarantena

Santa Croce sull’Arno, il sindaco Giulia Deidda fa il punto sulla situazione e rinnova l’appello a seguire le indicazioni del decreto per evitare di diffondere il contagio.

I casi, sul territorio comunale, di tampone positivo sono sei e 15 le ordinanze di quarantena, quasi tutte collegate ai casi positivi. A comunicare la necessità di quarantena, però, non è il Comune, che firma solo materialmente le ordinanze, ma la Asl che compie le necessarie indagini epidemiologiche.

Intanto proseguono i provvedimenti del Comune nel periodo di emergenza: “Ieri – ricorda il sindaco – abbiamo chiuso i cimiteri di Santa Croce e Staffoli e pubblicato in più lingue sul sito del Comune le buone regole da seguire in questo periodo”.

Attivato, nel territorio comunale, anche il servizio di consegna a domicilio per anziani, persone in quarantena o in difficoltà.

Proseguono, poi, i controlli per il rispetto del decreto e delle ordinanze: “Ho chiesto – ha detto il sindaco – agli agenti di polizia municipale di essere molto rigidi. Sono troppe le persone che non hanno ancora capito qual è il giusto atteggiamento da tenere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.