Coronavirus, chiusi i parchi a Castelfranco di Sotto e gli argini a Santa Croce foto

Ai fontanelli servono i guanti e il rispetto delle distanze

Guanti e distanze ai fontanelli e parchi chiusi. Dove il buonsenso non arriva, ci arrivano i divieti e così il Comune di Castelfranco di Sotto ha disposto la chiusura dei parchi gioco e delle aree di sgambamento cani. L’ingresso ai giardini pubblici e gli spazi verdi comunali è vietato ai cittadini.

Il divieto rappresenta una misura di contrasto e contenimento all’emergenza sanitaria covid 19. La decisione del sindaco Gabriele Toti è stata presa per evitare assembramenti di persone e di conseguenza occasioni di possibile contagio.

Sempre al fine di evitare assembramenti di persone, per i cittadini che utilizzano i fontanelli per l’acqua potabile, l’amministrazione comunale ha disposto l’uso dei guanti e il rispetto della distanza di un metro tra chi è in attesa.

In giornata, anche Santa Croce sull’Arno ha chiuso gli accessi all’argine sull’Arno. “Le tante segnalazioni di gruppetti di persone – è stata la valutazione della sindaco Giulia Deidda – non potevano essere più ignorate. Se restiamo a casa davvero, tutte e tutti, questa emergenza passerà presto. Ma se continuiamo a pensare che le regole valgano solo per gli altri, non funziona. A tutti coloro che sono abituati ad allenarsi, chiedo un po’ di pazienza. Sono convinta che più ci impegniamo adesso, più sarà facile uscirne bene”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.