Coronavirus, Pisa sperimenta l’auto medica Covid

Un soccorritore e un medico valuteranno a domicilio la salute dei pazienti dai sintomi non chiari

Nei comuni di Pisa, Pontedera e Cascina, da ieri (20 marzo) è entrata in servizio, in forma sperimentale, un’auto medica Covid con a bordo un soccorritore e un medico che valuteranno, a domicilio, lo stato di salute dei pazienti, quando le informazioni raccolte, attraverso il triage telefonico, sono dubbie.

Sarà, quindi, il medico del 118 a stabilire se attivare l’ambulanza per il ricovero o proseguire le eventuali cure a casa.

Intanto le due centrali del 118 dell’Asl Toscana nord ovest hanno attivato le ambulanze Covid a contenimento biologico che dovranno occuparsi del trasferimento, tra ospedali, dei pazienti gravi nella prima terapia intensiva libera, segnalata dalla centrale Cross di Pistoia che monitora costantemente la disponibilità di posti letto.

Per quanto riguarda il trasporto dei pazienti con sospetta positività, grazie alla disponibilità delle associazioni di volontariato, dai primi giorni di marzo, sono state aggiunte 11 ambulanze dedicate espressamente all’emergenza Covid-19.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.