“Un vuoto che si sente”, San Romano dà l’addio a Luciana

"Il nostro è stato vero amore", il ricordo del marito, il fotografo Lido Orsini

È un vuoto che si sente. Così lo raccontano quelli che conoscevano Luciana Cei, 85 anni, di San Romano di Montopoli in Valdarno, che se ne è andata oggi, mercoledì primo aprile. Il virus non c’entra niente. A portarla via è stata un’altra malattia, di cui soffriva da tempo.

Persona notissima in paese e oltre, era presente a tutti gli eventi, sempre pronta a dare una mano alle associazioni senza mai tirarsi indietro. Un carattere affettuoso, gentile, disponibile, così la descrivono i compaesani. Luciana lascia tre figlie, 6 nipoti e il marito Lido Orsini, altro volto noto per la sua attività di fotografo. Dopo il matrimonio nel ’72, i due da Cascina si spostano a San Romano nel ’73 e da lì gettano le basi della loro vita insieme.

“Eravamo diversi – così la ricorda il marito -, ma eravamo uno la conseguenza dell’altro. Una cosa la posso dire con certezza: il nostro è stato un vero amore. Frequentava qualunque associazione e la chiesa e, certamente, siamo persone socievoli. Ascoltava sempre, stava bene con tutti, era una donna unica. Ha affrontato la malattia con forza, senza mai lamentarsi. Per me e le figlie è stata eccezionale, ma è indescrivibile l’amore che provava per i nipoti e per tutti i bambini”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.