Cimiteri riaperti e svaligiati: via gronde e oggetti sacri per migliaia di euro foto

I colpi a Santa Croce sull'Arno e Staffoli

Gronde, canale oggetti in bronzo e porcellana. Non hanno risparmiato niente, furti avvenuti nei cimiteri di Santa Croce sull’Arno e Staffoli rimasti chiusi per tutto il lockdown e riaperti solo da pochi giorni.

Prima che le visite dai parenti però, le tombe dei defunti hanno ricevuto quelle di ladri che si sono attaccati davvero a tutto, lasciando senza parole e gettando nello sconforto i parenti, tornati a piangere sulle tombe dei propri cari. “Persino una rosa di porcellana”.

Non “furtarelli” odiosi, però, ma veri e propri colpi da centinaia di euro, visto che da una tomba di Staffoli è stato asportato materiale per mille euro.  A Santa Croce, oltre a rame e oggetti sacri, sono state rubate anche gronde e canale.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.