Caso Scieri, procura militare chiude le indagini: tre nei guai

L'ipotesi di reato è violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato in concorso

È chiusa l’inchiesta della procura militare sulla morte di Emanuele Scieri, il parà di leva siracusano  trovato morto il 16 agosto 1999 nella caserma Gamerra di Pisa.

L’avviso di conclusione delle indagini della procura generale  militare presso la Corte militare di appello di Roma, è stato notificato a tre indagati: Andrea Antico, caporal maggiore capo scelto dell’esercito in servizio, Alessandro Panella, già caporale dell’Eeercito in congedo e Luigi Zabara, anche lui già caporale in congedo.

Il reato contestato nell’avviso di chiusura delle indagini firmato dal procuratore generale militare Marco De Paolis e dal procuratore generale militare Isacco Giorgio Giustiniani è violenza ad inferiore mediante omicidio pluriaggravato in concorso tra loro.

Una delle persone ascoltate sulla vicenda è l’ex militare Mario Ciancarella, che ha fornito informazioni ritenute rilevanti per ricostruire l’episodio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.