Coronavirus, quattro contagi in una settimana nell’area pisana dell’Asl Toscana Nord Ovest

Tre a Pisa e uno a Peccioli. Migliorano i dati di guarigioni e ricoveri e la situazione nelle Rsa

Bilancio settimanale per l’Asl Toscana Nord Ovest per i casi di coronavirus. In provincia di Pisa si segnalano quattro casi in sette giorni: tre a Pisa e uno a Peccioli.

Dal 29 maggio al 4 giugno nell’Asl si sono registrati  in tutto 15 nuovi casi positivi.

Dall’inizio della pandemia, usando il criterio della residenza, dinque, sono 756 i casi positivi in provincia di Pisa così suddivisi: Alta Val di Cecina-Val d’Era 338; Valli Etrusche 10 (Comuni di Castellina Marittima, Guardistallo, Montescudaio, Riparbella); Area Pisana 408

Sul territorio dell’area vasta Toscana nord ovest dal 29 aprile a ieri (4 giugno)  sono stati effettuati nei quattro laboratori pubblici 4783 nuovi tamponi per un totale (tra Aoup, Livorno, Lucca e Massa) di 88171.

Sul territorio dell’Asl Toscana nord ovest continua ad aumentare in maniera consistente il numero dei guariti: si sono registrate finora 2669 guarigioni virali (i cosiddetti negativizzati) e 1023 guarigioni cliniche e si è quindi arrivati ad un totale di 3692 guariti.

guarigioni andamento Asl Toscana nord ovest Covid 19

Quanto ai decessi il totale aziendale sale a 433. Le zone più colpite sono state la Lunigiana (con 89 decessi, 71 per residenza), la Versilia (con 74 decessi, 75 per residenza) e le Apuane (69 decessi, 64 per residenza).

Per quanto riguarda i ricoveri per Covid-19 negli ospedali dell’azienda sono in totale 27, di cui 6 in terapia intensiva.

Qui sotto si può vedere anche graficamente l’occupazione dei posti letto da parte di pazienti Covid negli ospedali dell’area Toscana nord ovest, con una costante riduzione dei ricoveri, dopo il “picco” che si era registrato nei reparti di terapia intensiva e nelle aree Covid nel periodo dal 28 marzo al 3 aprile.

reparti covid posti letto occupati Asl

Dal monitoraggio giornaliero sono 2619  – su tutto il territorio dell’azienda Usl Toscana nord ovest – le persone isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate.

Le assunzioni

Dal 15 marzo ad oggi sono state effettuate dall’Asl Toscana nord ovest 863 assunzioni. Questo ha permesso di dare risposte concrete in un momento di grande difficoltà e sarà fondamentale anche per gestire al meglio la fase di graduale ritorno alla normalità e per garantire una presenza attiva sul territorio.

La maggior parte delle assunzioni ha riguardato gli infermieri: ben 483 i nuovi assunti, una risorsa importante che andrà a vantaggio di tutta la popolazione; i medici chiamati a rafforzare la squadra della nord ovest sono stati 127, mentre 188 sono i nuovi Oss e 44 i tecnici di laboratorio e della prevenzione. Inoltre, 82 nuovi operatori sono stati destinati alle Usca ed alle cure intermedie. Sono stati quindi potenziati i settori più impegnati nell’emergenza Covid ed a maggior rischio.

Riguardo alla distribuzione del nuovo personale nelle zone, questi i numeri: nelle zone Apuana e Lunigiana, tra le più colpite dalla pandemia,  i nuovi assunti sono stati 215;  la Piana di Lucca e la Valle del Serchio hanno visto un incremento di 169 unità; 106 persone sono state destinate all’Alta Val di Cecina, Valdera e zona Pisana; la zona Livornese, le Valli Etrusche e l’Elba hanno avuto complessivamente 242 nuovi assunti; infine 131 sono state le assunzioni in Versilia.

I positivi in Rsa e Rsd

Dal costante monitoraggio su ospiti e operatori delle 119 Rsa e Rsd presenti sul territorio aziendale, emerge che sui 4573 ospiti sono stati effettuati 5565 tamponi e 3980 test sierologici: 37 sono attualmente i positivi (erano stati al massimo 345). I decessi sono stati in tutto 115.

Sui 4761 operatori sono stati eseguiti 4917 tamponi e 4240 e i positivi oggi sono 58 (erano stati al massimo 129).

Continua quindi ad aumentare, sia tra gli ospiti che tra il personale, il numero delle persone guarite.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.