Castelfranco in lutto per la morte di Alfredo Spagli, ‘il tabaccaio’

Domani alle 10 i funerali. Lascia la moglie Elena e i figli Sandro e Paolo

Castelfranco perde un altro pezzo della sua storia. È morto nella notta Alfredo Spagli, per tutti ‘il tabaccaio’. Lascia la moglie Elena e i figli Sandro e Paolo.

Spagli è l’ex tabaccaio storico di paese, erede di una generazione di commercianti.

A ricordarlo è, fra gli altri, l’ex assessore all’urbanistica del Comune, Cristian Pardossi: “L’ho conosciuto che ero un bambino – abitavo a due passi dal negozio – quando mia nonna andava a giocare i numeri del Lotto e mi portava con sé.  Il negozio dello Spagli era su un angolo del “crocicchio”, luogo per eccellenza di incontri, capannelli, discussioni e commenti, dalla politica allo sport passando per le vicende paesane. La sua posizione prospiciente la piazza principale (intitolata al cognato di Alfredo, fucilato giovanissimo dai fascisti perché renitente alla leva repubblichina) ne faceva insieme al municipio e alla chiesa il terzo edificio “istituzionale” di Castelfranco (il quarto, di qualche metro più lontano, era forse il bar Gini, altro luogo di giunte, maggioranze e consigli comunali extra ordinem)”.

“Entravi dentro – ricorda ancora –  e c’era un profumo buono, misto, che non saprei descrivere, forse era il profumo di qualche tabacco, non ho mai capito. E poi c’era quel rumorino della macchinetta che elaborava le schedine del Totocalcio. D’estate mentre si giocava per strada qualche adulto ci mandava dallo Spagli a comprare le sigarette (altri tempi); i miei mi ci mandavano a comprare e spedire lettere: compravi busta e francobollo, ti mettevi nell’angolino e compilavi il tutto prima di imbucarla. Quando ci andavo con mia nonna Marina uscivo sempre con qualche pupazzetto di gomma o pacchetto di figurine. Lui era lì, dietro il banco, alto e serio, a volte seduto su uno sgabello, con quell’aria che allora mi incuteva un certo timore”.

“Lo avrei ritrovato e conosciuto meglio più tardi, nella mia adolescenza e soprattutto durante i miei venti anni, scoprendone la comune passione civica – ricorda ancora Pardossi –  Fu allora che ebbi modo di apprezzare quel suo modo asciutto fatto di pause, silenzi e osservazioni argute, che in qualche modo sembrava la traduzione caratteriale della sua conformazione fisica. Si completava in questo senso con la moglie Elena, una signora sempre elegante, appassionata e più loquace di lui”.

“Con lui – conclude –  se ne va un altro pezzo di una storia che è in continuo divenire, che siamo tentati di rimpiangere spesso per un atteggiamento dovuto al tempo che passa. Alfredo ha avuto la fortuna e il merito di lasciare un ricordo collettivo che gli sopravviverà e rimarrà fissato per molto altro tempo nelle facciate del centro, nelle insegne, nelle lastre di cui sono fatte le sue strade, come altri paesani prima di lui che non ho conosciuto ma di cui ho sentito parlare, e come avverrà – ne sono certo – in futuro con nuovi paesani. È il bello di sentirsi parte di una collettività. E forse più della nostalgia (o insieme alla parte migliore di essa) è questo il compito che in questi casi chi se ne va ci lascia in eredità: quello di saper cambiare senza perdere quella dimensione collettiva che è autentica ricchezza. A Elena, ai figli (con cui ho condiviso momenti diversi di impegno e di lavoro, a partire da Sandro che era tra coloro che guidavano la campagna elettorale del 2004) ai nipoti e a tutti i familiari le mie più sentite condoglianze. Ciao Alfredo, che la terra ti sia lieve”.

Alla famiglia di Spagli le condoglianze dell’intera redazione de Il Cuoio in Diretta. I funerali si terranno domani (6 luglio) alle 10 del mattino. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.