Droga alle Cerbaie, il ritrovamento durante i controlli della Municipale

E' il secondo in pochi giorni, nel periodo di ripulitura del sottobosco

Ieri 21 luglio, in uno dei tanti controlli, sono stati rinvenuti 321 grammi di hashish. La pattuglia della polizia municipale dell’Unione Empolese Valdelsa, coadiuvata dal personale del Consorzio Forestale delle Cerbaie e della Cooperativa Pegaso, ha sequestrato la sostanza stupefacente e l’ha inviata, insieme alla relativa comunicazione di reato contro ignoti, alla Procura della Repubblica di Firenze per le valutazioni del caso.

Prosegue la lotta allo spaccio di droga nei boschi delle Cerbaie. Quello di ieri è il secondo sequestro in pochi giorni: un altro, sempre di hashish ma per una quantità più modesta, era stato fatto lo scorso 16 luglio, sempre nel periodo nel quale sono in corso molti interventi di pulitura del sottobosco da parte dei proprietari dei terreni.

“Abbiamo da poco modificato il regolamento di polizia rurale – spiega il sindaco Alessio Spinelli – proprio per favorire la pulizia del sottobosco. Eliminando rovi e arbusti nei tratti di bosco prossimi alle strade rendiamo meno agevole la creazione di nascondigli e bivacchi per gli spacciatori. Per essere ancora più efficaci abbiamo chiesto al Consorzio Forestale delle Cerbaie, presieduto dal nostro assessore all’ambiente Valentina Russoniello, di supportare, quando richiesto, i proprietari terrieri che devono effettuare le operazioni di pulizia in modo da garantire i cittadini di operare nel pieno rispetto delle normative.

Ci auguriamo che un numero sempre maggiore di proprietari collabori in questa importante azione che ha il duplice scopo di scoraggiare gli spacciatori e di limitare il rischio di incendi a ridosso delle carreggiate stradali”. Fondamentale nel contrasto alla spaccio anche l’incessante azione di controllo del territorio.

“La frequente presenza della polizia municipale – aggiunge il sindaco – rappresenta sicuramente un deterrente molto efficace. Per questo voglio ringraziare personalmente, e a nome di tutta la comunità, il comandante della Municipale Massimo Luschi e gli agenti che sono impegnati costantemente in questo territorio. Un territorio tanto bello dal punto di vista naturalistico quanto preso di mira dagli spacciatori per la propria collocazione. Non a caso spesso le persone fermate sono provenienti dalle province limitrofe alla nostra. Il risultato di ieri è soltanto un piccolo passo di un grande percorso e di un grande lavoro che tutte le forze dell’ordine sono chiamate a svolgere per eliminare questa piaga dal nostro territorio. Serve un grande sforzo, in maniera molto concreta, da parte di tutti per vincere questa difficile battaglia”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.